Testata

Priebke





1

Sulla morte del già Capitano della SiPo ( la polizia delle SS ) [ 1 ] Erich Priebke a 100 anni compiuti, e conseguenze emotive [ 2 , 3 , 4 , 5 ... ] segnalo il post dell'amico UUIC : “Non capisco” [ 6 ].








2

Il nome di Priebke [ 7 ] è legato al massacro delle Fosse Ardeatine [ 8 ] ( 24 marzo 1944 ), rappresaglia nazista sulla popolazione civile e militare ( 335 assassinati ) in risposta alla strage di soldati altoatesini ( 32 assassinati sul momento + 1 morto nelle ore successive ) del Reggimento di Polizia Bozen [ 9 ] in via Rasella [ 10 ] ( 23 marzo ) eseguita da partigiani italiani dei G.A.P. [ 11 ] durante l'occupazione tedesca della capitale.
Priebke si fece una seconda vita in Argentina ( a San Carlos de Bariloche [ 12 ] ) con l'aiuto fattivo di alti prelati della Chiesa cattolica ( pagano, si fece battezzare allo scopo ).

Bookmark and Share

6 commenti:

  1. Soldati altoatesini o sudtirolesi...
    Qui c'è anche un cozzo di nazionalismi, visto che i sudtirolesi ovvero altoatesini di lingua tedesca non hanno mai digerito le violenze dei fascisti nella loro terra. In qualche modo i nazi (concausa, visti gli accordi Mussolini - Hitler sulle opzioni) sono stati visti come approdo.
    Anche questo fattore entra in gioco.

    Io chiedo a quelli che attaccano Priebke cosa avrebbero fatto al loro posto.

    RispondiElimina
  2. Aspettando le risposte, SE arriveranno, aggiungo che non v'é proprio alcuna stranezza nel fatto ch'egli fosse pagano ...
    Di origini prussiane, i prussiani eredi storici delle omonime tribù baltiche che resistettero più di ogni altro Popolo europeo alla cristianizzazione forzata per mano dei “Crociati del Nord”, ovvero i Cavalieri Teutonici.
    ( i lituani furono l'ultimo Popolo ad essere battezzato, e per convenienze politiche ovvero l'unione della stirpe di Gedeminas con quella della casa reale polacca, nell'ottica di uno Stato abbastanza robusto per esistere, circondato dalle Superpotenze dell'epoca ).

    RispondiElimina
  3. 2) La tua osservazione sulla scelta del termine descrittivo le popolazioni di lingua non-italiana residenti nella regione amministrativa Trentino-Alto Adige, non é campata per aria.
    Ci ho pure pensato, prima di scegliere la parola da postare, indeciso tra “altoatesino” e “sudtirolese” o, semplicemente, “tirolese”.
    E questo, racconta di come siamo fisiologicamente calati nel relativismo del punto di vista personale, in positivo e in negativo.
    Punto di vista che si può flettere ... estendere ... certo.
    Ma non omettere.

    RispondiElimina
  4. Anche l'altro ieri a Rai Radio 3, piece teatrale di sinistra sull'attentato di via Rasella, in un passaggio, scandalizzati... "gli italiani della provincia di Bolzano con le casacche delle truppe tedesche..."

    Purtroppo anche a sinistra il nazionalismo becerottuso impera.
    I sudtirolesi NON si sentono e NON sono italiani: sono un pezzo di Tirolo annesso a forza, con la guerra, dall'Italia.
    Non lo sono culturalmente, linguisticamente, economicamente, per usi, costumi e tradizioni.
    Ma è così difficile da capire?

    RispondiElimina
  5. No.
    Non lo é.
    E hanno dimostrato d'essere diversi amministrandosi bene ...
    ( al contrario del resto del Paese ).

    RispondiElimina