Testata

Big snow ?


Verso sera arrivano i primi segnali inquietanti. Il bosco non regge il peso della neve che si è indurita diventando ghiaccio. I rami si spezzano uno dopo l'altro, è l'urlo del bosco. Non esiste più una cultura contadina che regola il taglio degli alberi e i boschi sono da anni saccheggiati alla meno peggio, non si sceglie di abbattere le piante malate o quelle che hanno "filato", ma si taglia a caso, soprattutto gli alberi più grossi, più è grande il tronco e maggiore sarà la resa economica, nessuno pota i rami secchi, nessuno abbatte gli alberi morti, il legno disidratato pesa poco, e poi tarlato non lo vuole nessuno. Se chiedi alle squadre di boscaioli scopri che nessuno sa cosa sia il taglio di rotazione o come si trasforma un bosco in "alto fusto", sono quasi tutti stranieri pagati pochi euro all'ora, inutile pretendere più di tanto, bisognerebbe prendersela con chi li paga. Va da se che gli alberi che restano in piedi sono quelli più giovani, mentre le varietà non autoctone, come i pini dell'Arizona, sono i primi a cadere producendo scrosci roboanti, gli alberi secchi rovinano su quelli vivi provocando una sorta di "effetto domino".

[ ... ]

Davide Daniza Celli




1


Un evento notevole degli ultimi giorni, è stata la nevicata che ha mandato in tilt migliaia di linee elettriche a bassa e media tensione sull'Appennino emiliano [ 1 , 2 , 3 ... ].
Mentre la piccola Regione Calabria ha due volte-e-mezzo il numero di forestali a libro-paga dell'intero Canada [ 4 ] e la Sicilia 7 volte [ 5 ] - in generale 60.000 dei 68.000 forestali sono impiegati in 5 regioni meridionali - emergono altrove carenze e disfunzioni nello sfruttamento e manutenzione del territorio che hanno senz'altro acuito i problemi, ben note a qualsiasi rozzo residente montanaro.
Ho postato il semplice fatto su facebook, e subito sono accorsi i solerti negazionisti di qualsiasi disfunzione nella Sacra Regione Rossa Emilia-Romagna e del Sistema pummarolo in genere [ 6 ] ...

2

C'è stato un default di vari servizi che consideriamo come assolutamente indispensabili alla nostra vita civile fino al dare per scontato la loro disponibilità ( elettricità, acqua, riscaldamento, telefono, internet ... ), scenario apocalittico da dopo-[ qualcosa ].
Pertanto, ho letto con interesse i report dal vivo sui giorni del ritorno temporale a ... 60+ anni fa, ai problemi basilari della sopravvivenza ( riscaldarsi, procacciare il cibo ) scritti da amici faccialibreschi solitamente e per ragioni anche professionali connessi alla rete.

Davide Celli ha steso un vero-e-proprio reportage sulla sua bacheca, “Lost in Monzuno” : [ 7 , 89 ... ].
Ma anche Luca Oleastri ( Monterenzio ) [ 10 ], Paolo Sinigaglia ( Castello di Serravalle ) [ 11 ] e altri, hanno lasciato i loro appunti.

Bookmark and Share

17 commenti:

  1. Mi ero ripromesso di scriverci una pagina.
    La questione è articolata.

    Lungo la viabilità di collina e montagna le migliaia di crolli di tronchi sulla sede stradale sono stati in gran parte dovuti a boschi residuali in sofferenza aggrediti dalla vitalba.

    La vitalba li indebolisce, costruisce/tesse una sorta di manto reticolare sulla quale si accumulano masse rilevanti di neve che, per peso, portano allo schianto dell'albero.

    Perché c'è questa diffusione abnorme della vitalba?
    Perché non c'è più il presidio delle zone rurali dai contadini.
    Una volta la vitalba era tenuta al minimo: se cresce la vitalba non cresceva l'olmo, il frassino, il carpino, la quercia e quindi... non cresceva la legna.
    No reddito, no riscaldamento.
    Zacchete, i contadini intervenivano sul nascere, la diffusione non c'era neppure.

    Nei boschi sani, coesi, non c'è vitalba.
    La vitalba, eliofila, cresce sui boschi in sofferenza ai margini.
    Una volta c'era il campo, ora è non coltivato, ai margini si sviluppa la vitalba.
    La vitalba viene considerata uno dei segni di un bosco degradato, in sofferenza.
    Infatti.

    Ora cosa succede da un po'?
    Che anche per evitare l'obbligo di manutenzione delle scarpate lato viabilità stradale, molti procedono alla eliminazione dei boschi residuali, marginali.
    Ma così facendo si aprono centinaia di smottamenti, in quanto le pendici prative non più alberate, cedono.

    Tutto questo in un contesto in cui
    o - c'è una disoccuopazione che cresce senza limiti
    o - miliardi di euro vengono sperperati in opere nefaste come People Mover, Passante Nord, TAC Val Susa, TAC Brennero, Expo, Orte Mestre, Kiss&drive, Cispadana, Olimpiadi della corruzione capitale a Roma...

    Le masse di sradicati dalla terra espulsi dalla città e tornati (neo immigrati o figli dei contadini tolti falla terra nello sciagurato boom del secolo scorso) nelle zone periferiche sono degli idioti che non sanno neppure cosa sia la vitalba e non hanno neppure una roncola.

    Tutto sommato una caporetto preparata in anni e che continua giulivamente.

    RispondiElimina
  2. Certo, Uomo, c'è anche questa perdita culturale.
    Sommata alla piaga incurabile delle risorse umane a libro paga del settore pubblico, che sono evidentemente distribuite malamente, con spreco delle casse comuni, e non utili a rattoppare la situazione determinatasi.

    RispondiElimina
  3. Quello è un problema di presunta quanto problematica percezione di HoCA (HOmogeneous Cultural Area) e OCA (Optimum Currency Area) intranazionale.

    Insomma, sempre la solita solfa, fare una nazione dove essa non esisteva, mettendo insieme le Calabrie con il Suedtirol, la provincia di Caserta con quella di Asti.

    Mah.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è un problema di presunta quanto problematica percezione di HoCA (HOmogeneous Cultural Area) [ ... ].

      La sbianchettatura orizzontale è il lavoro delle ideologie egualitarie.
      Poi arrivano gli economisti servi dei Padroni dei Salvadanai, che preparano il lavoro che dev'essere legiferato in Parlamento dai politicanti :

      [ ... ] e OCA (Optimum Currency Area) intranazionale.

      Un perfetto, affiatato lavoro di squadra.

      ^_____^

      Elimina
  4. Soluzione: se il servizio in armi non si accorda con Vendola, si istituisce un servizio civile forestale e si mettono tutti i ragazzi abili a mantenere la propria terra.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vendola ?
      Cmq. la Guardia Forestale consta di 8.500 effettivi su tutto il territorio nazionale - fonte : Wikipedia ITA - quindi tutta o la gran parte numerica dei 68.000 enunciati è composta da civili addetti a chissà quali mansioni ...
      ci sono forse più forestali che alberi, al Sud.

      Elimina
  5. Avevo scritto un post in proposito anni fa:

    Post

    Comunque il concetto che volevo esprimere è che sarebbe educativo oltre che utile se i ragazzi spendessero del tempo nella manutenzione della propria terra. E sottolineo il concetto di propria terra. In un mondo di "cittadini del mondo", apolidi, senza radici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cittadini del mondo apolidi, senza radici etniche ...
      ma stanziali, metropolitani sintetici e meta tra Realtà materiale e virtuale.
      Che è una tendenza globale e funziona finché arriva merce nei supermercati e ai genitori e nonni viene pagata la pensione, in aggiunta al reddito di cittadinanza laddove viene erogato.

      Il recupero del rapporto con il territorio naturale all'interno del quale è situata la scatola urbana in cui si vive, sarebbe una buona terapia per un Paese fake come l'Italia.
      Solo che da questo all'assunzione di responsabilità ( del territorio, quindi degli homo stanziati ) per alcuni il passo diventerebbe troppo breve.
      Meglio lagnarsi e aspettare i benefit dalle regioni produttive via Roma, stramaledicendo magari gli oppressori sabaudi che hanno impoverito il Meridione ( una moda faccialibresca ).

      Elimina
  6. = o. t. =

    Questo modello Blogger che sto usando si comporta in modo bizzarro.
    Su desktop non indenta le risposte e non permette di indentarle.
    Sui mobili sì.
    Segue confusione in thread con più sezioni di discussione ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risolto.
      Dashboard - Impostazioni - Post e commenti - Posizione commento - Incorporato.

      Elimina
  7. OT

    Commento sul widget dei commenti a destra: utilizza una pratica che oggi come oggi è diventata la prassi ma che è concettualmente sbagliata e cioè caricare uno o più file JS esterni. Si, lo so che tutte le pagine di Blogger caricano roba da vari sottodominii di Google ma questo è un dominio di terzi. Potenzialmente un giorno questo script potrebbe essere cambiato con qualsiasi cosa (anche potenzialmente aggressiva) e ogni lettore del tuo blog manderebbe lo script in esecuzione caricando la pagina. Altro non è che lo stesso identico problema che hanno tutti i siti che "affittano" uno spazio ad una agenzia pubblicitaria che ci carica dentro uno script che a sua volta carica cose da remoto.

    Io uso una cosa molto più grezza proprio perché è auto-contenuta in Blogger.

    Fine OT e mi scuso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non dire ''mi scuso'', per favore : qui i suggerimenti sono benvenuti.
      Riprendendo l'uso di questo blog, 3 - 4 giorni fa, ho deciso anche di montare nella spalla un modulo per la lista degli ultimi commenti ...
      siccome nei widget proposti da Blogger non ce n'era uno ''ufficiale'', ho dato un'occhiata veloce alla prima cosa che mi ha restituito Google ( motore di ricerca ) inserendo 2 - 3 banali parole-chiave.
      E l'ho montato.
      Dando una scorsa al codice, ho visto che caricava roba da fuori, ma da una repository di Google ( googlecode.com ).
      Poi ...
      ieri ho chiesto a UUIC di quello sul suo blog, e mi ha spedito il codice di quello che 3 ore fa era quello ''definitivo''.
      Domani lo provo.

      Elimina
    2. Ecco, ora avete entrambi la versione 16, quella che vi ho mandato stamani.

      Elimina
    3. Googlecode è uno spazio che io e te possiamo usare per sviluppare un progetto open source (credo). Diciamo che è un servizio di hosting gratuito di Google per sviluppatori.

      Siccome non credo proprio che ci sia un servizio di revisione di quello che viene pubblicato sul servizio di hosting (forse intervengono su segnalazione), in linea teorica il titolare dell'indirizzo potrebbe sostituire lo script con un altro in qualsiasi momento. Se non lui, chiunque abbia accesso a quello spazio.

      Cito un caso antico: tale Maone, l'italiano che sta dietro l'estensione "NoScript", un giorno si fece venire la brillante idea di fare "push" di un update della sua estensione che modificava un'altra estensione (AdBlockPlus) in modo da impedirgli di bloccare le sue pubblicità. Il tutto ovviamente senza il consenso degli utenti.

      Elimina
    4. Ah ... “Maone” mi diceva qualcosa : infatti ha programmato anche FlashGot ( add-on per Firefox e Seamonkey utile a scaricare i media nella pagina, che ho spesso usato con YouTube ).

      Elimina
  8. E chi l'ha detto, che l'emergenza non è UTILE ?

    ^_____^

    [ link ].

    ...

    RispondiElimina