Testata

Cesare Battisti




Ritratto di Cesare Battisti ( 1916 ), acquaforte e mezzatinta di Luigi Bonazza con versi di Giovanni Bertacchi; battuto all'asta il 16 novembre 2012 per 150 € [ 1 ].



Il documentario “Cesare Battisti. L'ultima fotografia” [ 2 ].



1

Al documentario sono arrivato qualche settimana fa ( e lo consiglio, è davvero ben fatto ), riguardando il video di Giorgio Vitali dedicato a Mario Monti sul canale-YT Accademia della Libertà [ 3 , 4 ] in cui l'autore mostra e intercala nel discorso i tirapiedi che eseguirono il supplizio del martire irredentista Cesare Battisti [ 5 ] : giornalista, storico, geografo ed antropogeografo, attivista politico e deputato socialista nel parlamento asburgico, lottò in politica e in armi per i diritti dei cittadini austriaci di madrelingua italiana;

combatté in prima linea come ufficiale del Regio Esercito Italiano sul fronte trentino nella Prima Guerra Mondiale [ 6 ], fu fatto prigioniero durante un assalto al Monte Corno di Vallarsa ( ribattezzato alla sua memoria Monte Corno Battisti ) [ 7 ] e quindi impiccato assieme a Fabio Filzi [ 8 ] nel Castello del Buonconsiglio della natia Trento, per mano del boia Josef Lang e dei suoi collaboratori;
sarebbe un eroe nazionale ( se 0039 fosse anche una nazione ) ma quasi nessuno degli “italiani” sa chi sia quest'uomo, sebbene gli siano intitolate strade e piazze in tutta la penisola ed anche a 051 [ 9 ] tale toponomastica è sopravvissuta al revisionismo del regime democratico e degli amministratori rossi ( non ebbe tempo, Battisti, di vedere il fascismo ed eventualmente di aderirvi );
il 12 luglio scorso è stato il 100° anniversario della morte di Battisti per mano del boia di Vienna [ 10 ].

2

Già.

Del socialista e irredentista C. B. non se ne parla molto, anzi non se ne parla affatto, 'ché il socialismo non è più popolare nemmeno a sinistra, e la nazione è un argomento desueto, scomodo e per giunta in odore politico di destra ( il Demonio ) cioè buono per i nostalgici considerati dai benpensanti istruiti dal Sistema un po' ( o del tutto ) “tocchi”;
a peggiorare la situazione, semmai, è l'amicizia che lo legò a Benito Mussolini [ 11 ] futuro Duce d'Italia;
il risultato è, oggi, il ragazzo di madrelingua italiana che, studente all'Università di Innsbruck, non sa affatto chi sia colui che in giovinezza lottò duramente e a rischio della vita anche in quella città, per dargli il diritto di studio in quell'ateneo :


I giovani di adesso non hanno più i battibecchi che c'erano una volta [ ... ] in Storia sono molto ignorante, devo dire.
42:42


Iconico di un Presente ( che è Ognidove in Ognitempo ) virtuale senza più radici, in cui ognuno può modellare a piacimento il proprio avatar di atomi senza l'obbligo filologico di definire ( e quindi riconoscere ) il fardello di una eredità.

{ leggi anche il post “Cesare Battisti, l’eroe scomodo” ( 28 maggio 2015 ) di Antonio Martino, su L'intellettuale dissidente [ 12 ] }.

Bookmark and Share

9 commenti:

  1. Questo we ci sono molte mostre in giro, anche negli archivi, sono sicura che avrai l'imbarazzo della scelta. Cerca le Giornate Europee sul sito Mibact!

    RispondiElimina
  2. Ogni immigrato che scende dalle navi della Marina, mandata a traghettare gli invasori, calpesta le ossa sue e di tutti i militi noti e ignoti, che ce n'è almeno uno in ogni famiglia italiana.

    Per inciso, fu impiccato a Trento dove io ero di leva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema principale sta da questa parte, il problema principale siamo “noi”, che è un noi che non esiste, non esiste una comunità di persone, si passa dall'uomo-ghetto direttamente al cittadino del mondo.
      E c'è poco da fare : gli puoi dare il manuale di istruzioni, ma poi prevale il sogno.

      ===

      Elimina
    2. Per inciso, fu impiccato a Trento dove io ero di leva.

      Eh.
      Chissà che ricordi ...

      Elimina
    3. Non fu impiccato a Trento mentre io ero di leva, quasi cent'anni prima.

      I miei ricordi sono di un anno dentro un posto recintato col filo spinato a fare veri lavori che in teoria contribuivano a difendere la Nazione.

      Come scrivevo da UCoso, il piano prevedeva che se l'invasore fosse calato da un certo passo alpino, noi l'avremmo fermato o saremmo morti tutti provandoci, perché ci avrebbero scaricato addosso coi nostri stessi cannoni delle testate nucleari.

      Poi piu modestamente siamo finiti a fare la guardia a Gela come nella Striscia di Gaza.

      Comunque anche la sospensione della leva è un tassello del Piano.

      Elimina
    4. Ah ah ah !
      Supponevo tu fossi più giovane, a meno che tu non sia un vampiro ...

      ^_____^

      Beh ...
      esperienza di prima linea notevole, sia su che giù, direi.

      Comunque anche la sospensione della leva è un tassello del Piano.

      La vedo anche io così, è stata l'ennesima amputazione della responsabilità individuale verso sé e la comunità, l'ennesimo ostacolo posto alla formazione del singolo e di una coscienza collettiva, percorso che nella penisola italiana dev'essere ancóra compiuto ...

      Siamo oltre, Lorenzo.

      Questo presupposto e didascalico “Paese” è terra virtuale, tra i più cangianti esempi di virtualizzazione di massa nel mondo;
      credo che ponendo le questioni dell'identità e dell'eredità ( storica E sociale ), io e te assolviamo il nostro dovere di cittadini ...
      e poi, capolinea.

      ===

      Elimina
    5. Contrariamente a quello che i maligni insinuano, io esco dalla bat-caverna e parlo con la gente.

      Mi sorprende sempre vedere che per ogni cosa ragionano al contrario. In tutti questi anni è stato fatto un lavoro di riprogrammazione su scala inimmaginabile che ha cambiato le teste delle persone.

      Lasciamo da parte per il momento il concetto di Patria e degli antenati morti per costituirla e difenderla.

      Andiamo all'ultimo post di Sara, dove si invita la gente a celebrare la "giornata del Patrimonio" andando a visitare qualche museo o affine.

      Come scrivevo da lei, nello stesso momento in cui le "autorità" organizzano la farsa del "Patrimonio", la propaganda rinnega i Padri (tra cui appunto Battisti). Non solo, si procede alla ennesima "riforma" della Scuola che compie un altro passo per accorciare i tempi, rimuovere gli argomenti che ci ricollegano al nostro passato, in cambio del famoso "digitale".

      Se vai poi al mio ultimo post, vedi un altro movimento parallelo. Tornando alla naja, già allora c'era un incredibile uso di droga da parte dei ragazzi, tanto che i Carabineri facevano perquisizioni di continuo.

      Sono tutte tessere dello stesso identico mosaico, si incastrano a comporre il Piano e nessuno se ne accorge.

      Elimina
    6. Stop, Lorenzo.

      Siccome in altri luoghi informatici hai espresso disistima nei miei riguardi, e siccome credo che i rapporti interpersonali debbano constare necessariamente di stima reciproca, per te le trasmissioni di dati su questo mio blog cessano qui e ora.

      Saluti.

      ===

      Elimina