Testata

Cesare Battisti ( il terrorista ) e il Paese Materiale




Immagine pubblicata sul sito del quotidiano Libero.


1

Uh.

Pare che un'azione congiunta delle polizie di 3 Paesi ( Italia, Brasile, Bolivia ) abbia raggiunto l'obiettivo di arrestare Cesare Battisti, il terrorista di un gruppo armato di comunisti che negli anni '70 ferì ed accoppò un po' di persone. Il cambio di orientamento politico del Governo federale brasiliano, passato a Destra, sembra avere propiziato l'intesa con il Ministero italiano competente [ 1 ] [ 2 ]. Ma del presidente brasiliano uscente Michel Temer [ 3 ] era stata la firma sulla revoca dello status di residente permanente, e sul decreto di estradizione ( continuità di azione politica ).
Giubilo sui mass-media italiani per il “regalino” ( così ribadito dal figlio di Bolsonaro ) [ 4 ].
Scoppia un caso politico nella Bolivia di Evo Morales [ 5 ] ...

La notizia mi ha annoiato.

Anzi, vedere i festoni organizzati e gli ennesimi orwelliani due minuti d'odio [ 6 ] organizzati in questo caso dalla Destra, mi ha decisamente dato fastidio.
Per capire il motivo, è sufficiente che chiunque di noi scenda in strada, si guardi attorno e verifichi la situazione. 

Sul binario dell'ideologia


«Per noi non va fatta[,] ma la decisione la prendono i politici»

Ponti, il capo della commissione costi-benefici

L'intervista

di Marco Imarisio

Professor Marco Ponti, capo della commissione per l'analisi costi-benefici...
«Alt. Prima di tutto una doverosa precisazione sul grafico pubblicato ieri dal Corriere».

Cominciamo bene.
«Quei dati molto ottimistici sugli effetti economici della Torino-Lione sono il risultato delle analisi di valore aggiunto, che si chiama così perché per ogni euro pubblico speso calcola il moltiplicatore, ovvero quali imprese ci lavoreranno, appalti e subappalti, eccetera».

Dov'è il problema?
«Si tratta di un tipo di studi che ha sempre un valore positivo, ma non può mai essere usato a supporto di una decisione sulla fattibilità dell'opera».

La vostra analisi costi-benefici invece può?
«Noi misuriamo gli effetti positivi e negativi di quella spesa. L'analisi di valore aggiunto è molto amata dai decisori politici, che invece detestano analisi come le nostre».

Il vostro studio non è stato commissionato proprio da un «decisore politico» contrario alla Tav?
«Che c'entra. Chi c'era prima invece era favorevole. Dov'è il problema?».

Forse nel fatto che a cominciare da lei tutti i membri della commissione sono contrari alla Tav?
«Noi non abbiamo punti di vista. Noi abbiamo numeri. Altrimenti saremmo dei cialtroni. Conta la competenza, non la terzietà».

[ ... ]

Oggi cosa è cambiato?
«Ci sono meno soldi. Lei provi a pensare quanti migranti si possono salvare o quanti posti di lavoro si possono creare, con i denari della Tav».

[ ... ]

Corriere della Sera, 11 gennaio 2019, pag. 2


1

Trovate l'errore.

[ ... ]

Bookmark and Share