Testata

2 + 2 = 22




Il video “Alternative Math”


– Danny is a free thinker.

---

trad. : Danny è un libero pensatore.
il padre di Danny


1

Sono abbastanza anziano da avere vissuto la fase storica in cui se si prendevano brutti voti a scuola, seguiva la ramanzina dei genitori.

Figuriamoci una nota.
E' noto che al giorno d'oggi le parti si sono invertite : se il cinno prende un cattivo voto, la colpa è sempre e solo dell'insegnante.
Per la nota ( ammonizione ) ricevuta dal pargolo i genitori arrivano anche a picchiare l'insegnante [ 1 ] che poi deve provvedere di tasca sua alla parte legale della vicenda [ 2 ].
Perciò, quando l'amico Raffaele ha proposto questo video non freschissimo sulla sua bacheca di FB [ 3 ] ho sorriso.
Descrive esattamente lo stato degenerativo della scuola trasformata in una azienda che sforna ignoranti, non solo negli SUA ( Stati Uniti d'America ) ma anche nella “Italia” in cui gli esperti del ministero della Istruzione consigliano l'accantonamento dell'insegnamento frontale a favore di una forma “più democratica”, l'apprendimento cooperativo in cui gli studenti “imparano dai compagni, non dagli insegnanti”.

2

Cito un paio di passaggi dalle prime pagine-web che ho trovato googlando “insegnamento frontale” :



L’insegnamento frontale non funziona più

Alessandro D’Avenia

[ ... ] Ma mentre si dibatte noi entriamo in classe lo stesso: proprio per quei 30 e più. Si può insegnare in una classe così? Forse sì a fronte del correttivo proposto sopra, ma non solo. Siamo ancorati a un tipo di lezione frontale in cui i ragazzi sono oggetto del nostro sapere da conferenzieri. Tutto il contrario del cosiddetto «apprendimento cooperativo»: attività che permettono al docente di essere meno protagonista in classe e più nella preparazione della lezione (obiettivi, strategie, tempi, verifiche chiari e dichiarati: non si fa così sul lavoro?). L’insegnante diventa orientatore e i ragazzi soggetti dinamici e protagonisti dell’apprendimento.

In una cultura dal sapere sempre più reticolare, collaborativo, induttivo, è necessario rinnovare una scuola ancora basata quasi del tutto su processi di apprendimento frontali e generici, individualistici, deduttivi e ripetitivi.

Metodi collaborativi liberano dall’angoscia dei grandi numeri, delle scadenze, dell’improvvisazione [ ... ].

La Stampa


( almeno, questo articolo puntualizza un effettivo problema della scuola italiana: il numero eccessivo di studenti per classe, che fraziona troppo l'attenzione posta dal docente a ciascuno di essi ).


Addio alla lezione frontale: spazio ai nuovi modelli di apprendimento

di Fabrizio De Angelis

[ ... ] si tratta di un passaggio necessario per la scuola pubblica, perché la società è cambiata e anche la scuola deve adeguarsi [ ... ].

Tecnica della Scuola


Cari insegnanti, liberiamoci dall'incubo della lezione frontale

di Sara De Carli

Per il pedagogista Daniele Novara è tempo di archiviare una volta per tutte la lezione frontale, figlia dell'idea che insegnare sia spiegare contenuti. «La scuola deve essere un laboratorio non una sala conferenze, perché si apprende nella condivisione. Gli alunni imparano dai compagni, non dagli insegnanti» [ ... ].

Vita.it


3

Per visualizzare i sottotitoli in lingua italiana, portate la freccina del mouse sulla finestra del video, ( 1 ) cliccate sull'icona a forma di ingranaggio e poi su Sottotitoli :






2 – scegliete Italiano dalla lista :





4

Quelli scritti dal piccolo Danny nel compito scolastico fallimentare sono risultati di altro tipo, ottenuti dalla somma ( unione ) di dati trattati come stringhe alfanumeriche.

[ ... ]

3 commenti:

  1. Tutto previsto, tutto già detto, tutto disegnato a tavolino.

    RispondiElimina
  2. Forse potrebbe interessarti questo mio post.
    Torno a dire, ogni singolo aspetto del vivere contemporaneo, compreso la capacità di fare due più due, è stato disegnato a tavolino come parte di un progetto di ingegneria sociale.

    RispondiElimina