Testata

Greta ?



Greta Thunberg

di Stanis Vlad

Considerando l'interesse politico e dei media mainstream per questa ragazza, ed essendo io favorevole (ovviamente) alle tematiche proposte, quello che mi chiedo è: ok, salviamo il clima (come se fosse facile), ma a parte le frasi accattivanti, in realtà dove si vuole andare a parare?
Detto che a certi livelli nulla accade per caso, ma tutto è "funzionale", perché un messaggio politico di questa valenza è stato affidato alla innocenza e al viso pulito di questa giovane, rapidamente trasformata in icona dai media mainstream?
Addirittura si comincia a parlare di premio Nobel, su proposta di tre parlamentari norvegesi. Norvegia che esporta annualmente 170 Mtep di petrolio...
Ragazza che ha parlato anche al World Economic Forum (WEF) di Davos, dove notoriamente si entra ad invito.
Domanda: l'hanno fatta intervenire perché questo era funzionale (altro che zittito i pre-potenti), oppure l'esibizione è stata vista da quella congrega di squali alla stregua di quello che rappresentavano gli spettacoli di bizzarrie (in questo caso lessicali) a cavallo tra il XIX e il XX secolo?
Perché un conto è la giusta lotta all'inquinamento, un altro vedere situazioni funzionali perché gli imbonitori che gestiscono i canali delle tematiche dominanti vogliono così.
Forse c'è una componente umana nei cambiamenti climatici o forse sfortunatamente ci troviamo in un passaggio epocale, non ho questa certezza, ma certamente stiamo entrando in una crisi che rischia di essere sistemica, con il rischio di una grave recessione economica globale, che sta colpendo per primi proprio quei giovani di cui si straparla.
Perché qui tutti, io per primo che sto utilizzando questi strumenti (di morte) e non faccio nulla affinché la situazione possa cambiare davvero, siamo causa di una situazione che sta giungendo al suo compimento.
Spero che questa non sia la via "capitalista" al salvataggio del pianeta: minore produzione, maggiore povertà (tranne per quelli di Davos), minori consumi e maggiori austerità. E oplà, ecco che l'inquinamento si riduce.
Basta crederci.




{ recupero }

Per varie vicissitudini personali ho pubblicato con periodicità assai lasca, nelle ultime settimane.

Con questo post inizio a recuperare scritti e appunti dedicati ai topic sociali e tecnologici che ritengo meritevoli.

1

I lineamenti del viso sono da bambina down, il corpo non si è sviluppato ( la si veda nelle foto di gruppo con i coetanei, ed anche assieme ai genitori ) e pure lo sviluppo mentale è stato disturbato da una patologia simile all'autismo ch'è detta Sindrome di Asperger [ 1 , 2 ].


Cos'è la sindrome di Asperger, la malattia di Greta Thunberg

[ ... ]

Ma che problemi hanno gli individui affetti dalla sindrome di Asperger? Sicuramente difficoltà nelle interazioni sociali, schemi di comportamento ripetitivi e stereotipati, attività e interessi in alcuni casi ristretti. Diversamente dall'autismo, non si verificano significativi ritardi nello sviluppo del linguaggio o nello sviluppo cognitivo.

Alcuni sintomi di questa sindrome sono correlati ad altri disturbi, come ad esempio il disturbo non verbale dell'apprendimento (Nonverbal learning disorder), la fobia sociale, il disturbo schizoide di personalità. La sindrome di Asperger non è diagnosticata solo per le caratteristiche proprie, ma anche per una vasta gamma di condizioni di comorbilità (disturbi non dovuti alla sindrome in sé), come depressione, ansia, disturbo ossessivo-compulsivo.

[ ... ].

Il Messaggero.it


Diego Fusaro ha colto un automatismo da burattino in scena volto a tutelare l'aura sacrale di vestale dell'Ecologia che nasconde l'inevitabile, sfacciata ignoranza della ragazzina : [ 3 ].
La ragazzina con un nome da protagonista di fiabe gotiche è una perfetta opinion leader a manovella per questo mondo malato.

2

Ho ripreso il soprastante, forbito testo dell'amico-FB Stanis Vlad [ 4 ] pubblicato il 16 marzo scorso sulla sua bacheca faccialibresca [ 5 ] perché l'argomento è pienamente attuale : la ragazzina-prodigio-? incombe periodicamente sui mass media.
E più che l'ecologia – un pretesto – secondo me sono altri i topic della faccenda, tra questi l'infantilizzazione della politica : la disturbata a manovella svedese siccome gallina dalle uova d'oro [ 6 , 7 ... ] ha comandato scioperi di ragazzini imberbi e ragazzine che anziché bivaccare in piazza dovrebbero stare sui libri a sgobbare [ 8 ] – l'ennesimo spasso del Paese dei Balocchi globale – ed ha avuto diverse ragazzine epigone nella sua stessa fascia d'età, in vari Paesi del mondo [ 9 , 10 ... ].
{ tentare la lotteria della fama non nuoce, e il risultato può essere assai redditizio }.

3

Ma l'effetto-Greta non si è concretizzato solo nell'effimera eccitazione ormonale di masnade di adolescenti vogliosi di marinare la scuola aka “sciopero per il clima” e nell'ennesima distrazione mediatica di massa dai problemi sociali più importanti, ma anche nella deviazione di milioni di voti nelle recenti elezioni europee.
Come ha successivamente annotato l'amico [ 11 ] : “si è compreso a cosa serve Greta, con i Verdi che devono favorire la exit strategy della fuga di voti dai partiti tradizionali, in primis di sinistra”.




La copertina del settimanale Time


E ...
guardate il “caso” : nella settimana delle elezioni europee, il settimanale amerikano Time ha inserito Greta Thunberg tra le 100 persone più influenti del 2019 [ 12 ] – oppalà : “Teen climate activist Greta Thunberg is one of the most influential people of 2019, Emma González writes” – e poi le ha dedicato la copertina [ 13 ].

4

Intanto, il fenomeno da baraccone lascerà la scuola per un anno [ 14 ] – vero crimine contro la persona – e, così, anche la possibilità di imparare qualcosa di più sul clima e tanto altro di cui avrebbe bisogno.
Va spremuto e monetizzato in fretta, finché è in auge.




Ovvia benedizione


[ ... ]

Bookmark and Share

22 commenti:

  1. Te lo semplifico al massimo.
    Basta guardarsi attorno.
    La gente viene condizionata ad eseguire meccanicamente invece che a pensare e decidere. Il condizionamento è cosi efficace che l'esecuzione meccanica viene percepita come la soddisfazione di un bisogno, qualcosa di necessario, inevitabile, come respirare, come il sole che sorge.
    Quando, davanti all'input, ti comporti in maniera differente, non conforme, ti guardano con gli occhi sbarrati, è qualcosa di inconcepibile.

    RispondiElimina
  2. Certo meglio continuare a inquinare. Io non ho figli, potrei pure fregarmene. Chi ne ha gli lascia un bel mondo di plastica, ma Greta è pure handicappata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come volevasi dimostrare. E' del tutto inutile andare a vedere il significato delle parole come "inquinare", inquinare dove, cosa, quando, come, perché.

      Quando ti viene proposta una "verità" dovresti farti delle domande. Invece no. Automatismo, I/O. Il "mondo di plastica". Che è la cosa più scema, perché la plastica E' INERTE, molto meglio un mondo di plastica piuttosto che un mondo di metalli pesanti, solventi, insetticidi, eccetera.

      Ma cosa ne sa la nostra Sara della differenza tra "polietilene" e "toluene". Non si è mai posta la questione. Gli dicono cosa deve pensare, cosa deve dire e tanto gli basta.

      Elimina
    2. @ Sara : fatti qualche domanda, qualche ragionamento.

      Ad esempio :

      1 - considera che la vita prevede la produzione di materiale processato e scartato;
      2 - immagina la tua vita senza la plastica;
      3 - vorresti davvero tornare a vivere come nell'Ottocento e ante ?

      { eccetera }.

      Elimina
    3. Marco, a parte che è ovviamente impossibile sostituire la plastica, il problema non è quello.

      Il problema è che se tu vai a vedere le analisi dell'acqua del rubinetto, c'è un limite per la potabilità di Tricloro + Tetracloroetilene di 10 microgammi/litro e nel mio Comune è tra 2 e 3, non è zero.

      Cito:
      "Viene utilizzato nelle lavanderie a secco, come solvente per lo sgrassaggio dei metalli, nell'industria chimica e farmaceutica, nell'uso domestico.

      In quanto solvente può essere sostanza d'abuso.

      In Italia, la legge considera i rifiuti contenenti tetracloroetene come "rifiuti pericolosi", tali rifiuti non devono essere smaltiti in fognatura. L'esposizione può infatti causare irritazione alla pelle in quanto dissolve i tessuti adiposi, e può inoltre agire come depressivo del sistema nervoso centrale in caso di inalazione. Diversi studi hanno associato l'esposizione cronica o occupazionale al tetracloroetilene ad un aumentato rischio di cancro, e pertanto il composto è stato classificato come possibile cancerogeno".

      Invece le famose "microplastiche", non solo non vengono rilevate perché sono virtualmente assenti (nel mio caso l'acqua viene da una falda fossile ad oltre cento metri sottoterra) ma se anche fossero presenti, non esiste nessuna prova di tossicità. Come dicevo sopra, il Polietilene viene adoperato per i contenitori alimentari mentre il Toluene, che finisce sempre in "ene", ricito:

      "viene impiegato per sciogliere resine, grassi, oli, vernici, colle, coloranti e molti altri composti.

      Può essere contenuto nella benzina fino al 5% in funzione antidetonante, ossia per aumentare il numero di ottano; negli Stati Uniti questo impiego assorbe fino al 95% della produzione industriale (del T.).

      Il toluene danneggia i nervi, i reni e probabilmente anche il fegato. L'inalazione dei suoi vapori produce sintomi di stanchezza, nausea, confusione, disturbi alla coordinazione dei movimenti e può portare alla perdita di coscienza.

      Un contatto regolare può produrre un'intossicazione dagli effetti euforizzanti e insufficienza midollare con conseguente anemia aplastica[3]. I vapori di toluene hanno un effetto narcotico a carico degli organi respiratori e sono irritanti per gli occhi; sono anche possibili in alcune persone manifestazioni allergiche."

      Quindi, ripeto, la parola "inquinamento" non è sbagliata in se stessa ma richiede il minimo di informazione per capire che il Polietilene "inquina" praticamente zero mentre ci sono miliardi di litri di sostanze estremamente tossiche che vengono immessi nell'ambiente ogni santo giorno e Greta o Sara non ne sanno un beato cazzo.

      Elimina
    4. Ripeto il punto centrale del discorso: NON NE SANNO UN BEATO CAZZO perché nessuno gli ha mai detto di informarsi. Non serve informarsi quando hai assimilato il concetto del "mondo di plastica".

      Elimina
    5. Le bottiglie d'acqua le porti in casa usando l'ascensore?

      Elimina
    6. Se la domanda è rivolta a me, io non compro niente se non ho una ragione specifica. Nel caso delle bottiglie di acqua, le compro quando vado in montagna per metterle nello zaino. Ho provato con la borraccia di alluminio (me ne servono almeno due) ma è uno sbattimento da pulire (dopo un po' che è li la devi bollire) e poi si ammacca facilmente.

      Evito anche di prendere l'ascensore se posso farne a meno.

      Comunque non fa la minima differenza rispetto a quello che ho detto sopra, ovvero che la "plastica" non è tutta uguale e quella usata per i contenitori alimentari è praticamene inerte mentre ogni giorno siamo immersi, beviamo, respiriamo, mangiamo, tocchiamo sostanze tossiche o altamente tossiche.

      Ogni tanto ricordo alle anime belle che se l'acqua del mio comune viene presa da una falda fossile a cento metri sottoterra, una città come Firenze la prede dal fiume Arno. Non ci vuole un genio a capire che le stesse sostanze sparse sui campi vengono dilavate dalla pioggia e finiscono nel fiume. Sostanze che ammazzano vegetali, funghi, insetti e a concentrazioni elevate, tanto che è risaputo che è meglio non abitare a qualche centinaio di metri dalle vigne. Epperò, Greta non dice niente ai Fiorentini dell'acqua che bevono cosi come non gli dice niente di cosa c'è dentro il vino. Anzi, tocca leggere il vignaiolo che sostituisce i legacci di plastica con quelli vegetali. Bravo bravissimo, adesso buttaci pure sopra quei tre quintali di "xundartrinoxolo-Z", che hai fatto il tuo dovere di "ecologista".

      Poi si potrebbe andare a vedere come funziona la Panda, nello specifico le caratteristiche del motore a quattro tempi. Anche li, ci sono 7 veicoli ogni 10 abitanti, però attenzione alle bottiglie d'acqua.

      Elimina
    7. Ah, per inciso, l'alluminio è più tossico della plastica della bottiglia e, essendo ovunque, dalle padelle al dentifricio, è causa di avvelenamento da metalli. Anche quello è risaputo ma opportunamente taciuto.

      Elimina
    8. @ Sara : la mia risposta, invece, è SI'.
      Siccome non abito al piano terra, non al primo, ma un po' più su, prendo SEMPRE l'ascensore.
      Lo so.
      Per questo, sono colpevole della Shoah, della fame nel Terzo Mondo e pure dell'inquinamento globale. Tutto assieme.
      Aò.

      @ Lorenzo : il punto, è che il polietilene LO VEDI, il toluene NO.
      La ggente arriva a guardare le figure.
      Poi, si commuove fino all'isteria per qualche balena spiaggiata.
      { googlare “whale plastic pollution” }.

      Chiaro che massacrare l'intera popolazione mondiale delle balene ( mettiamoci anche la caccia eseguita dalle baleniere giapponesi, eccetera ) è triste ed anche stupido, ma :

      1 – le balene sono pur sempre animali, quindi alla mercé di Homo;
      è giusto che ce ne serviamo per la nostra convenienza → vedi anche la ( spesso patologica ) convivenza con gli animali domestici, che, guardata dal loro punto di vista, è una PRIGIONIA CON TORTURE – castrazione, e altro;

      2 – se al piano terra si rinuncia ad imparare qualcosa per poi rispondere come relé eccitati dagli impulsi mass-mediatici del Sistema, non ci si può e non ci si deve indignare per la stupidità di chi ci governa, e di chi possiede le flotte di baleniere → della ggente che ne mangia le carni e usa in vario modo i prodotti derivati da quel mammifero marino.
      Quella dei politicanti spesso non è “stupidità” ma interesse pecuniario dissimulato nella forma cialtronesca dei “soliti politici casinisti” e altro.

      Elimina
  3. Lorenzo ha deciso di saperne più di tutti anche su questo argomento. d'altro canto deve ammazzare il tempo nel frattempo che gli arrivi la pensione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi sempre portare il tuo mattone.

      Elimina
    2. Lorenzo non ha lo scopo di saperne più di tutti, ha solo lo scopo di non essere un coglione.

      Per non essere un coglione, incredibile ma vero, basta Wikipedia.

      Per usare Wikipedia però bisogna farsi delle domande.

      Un coglione non si fa le domande perché le risposte ce le ha già, le trova precotte nelle "verità" di Corriere e Repubblica. Tipo Cernobyl uguale a 200 bombe atomiche.

      Il tempo non ha niente a che fare con l'essere un coglione. Perché se non hai tempo di cercare le risposte alle domande, se non sei un coglione puoi dire "non lo so".

      Coglione.

      Elimina
    3. Cernobyl me l'ha spiegata un ingegnere nucleare.

      Elimina
    4. Non c'è niente da spiegare, solo un cretino fa il confronto tra un aggeggio progettato per scaldare l'acqua, fare il vapore e col vapore fare girare una turbina e con la turbina fare la corrente elettrica e ordigno bellico progettato per fare il botto più grosso possibile.

      Prendiamo l'ammoniaca si usa per (cito):

      Come base per fertilizzanti agricoli
      Come intermedio nella sintesi del bicarbonato di sodio
      Come componente per vernici
      Come refrigerante nell'industria del freddo
      Per la produzione di esplosivi
      Per la produzione di nylon e fibre sintetiche
      Per la produzione di materie plastiche e polimeri
      Come solvente
      Nell'industria cartaria come sbiancante
      Nell'industria della gomma
      Negli ambienti domestici come detergente per vari usi che può essere utilizzato su molte superfici
      Nelle tinture per capelli
      In metallurgia per ottenere atmosfere riducenti
      Nella combustione, in soluzione acquosa al 25 % per ragioni di sicurezza, come reagente per il controllo degli ossidi di azoto (NOx)
      Nella produzione di sigarette in quanto l'ammoniaca velocizza il procedimento di assunzione della nicotina da parte dei recettori del cervello
      Nella lavorazione di carne per hamburger per sterilizzarla dal batterio E. Coli

      Quindi se domani si rompe una cisterna di ammoniaca e qualcuno ci lascia le penne, sul Corriere o Repubblica possono scrivere che è stato come 200 tinture dei capelli di Sara, oppure come 200 bottiglie di plastica. Dove 200 è un numero a caso che fa figo.

      Elimina
    5. Lorenzo io ho quasi 49 anni e non ho un capello bianco, ergo, non mi tingo!

      Elimina
  4. "I Verdi sono stati in grado di pescare voti sia a destra, sia a sinistra, riuscendo a intercettare la marea montante di consensi in uscita dall’area dei conservatori e da quella dei socialdemocratici. E lo hanno fatto contrastando il populismo di Afd, e non inseguendoli sul loro terreno come hanno provato a fare i moderati della Csu, e la deriva dei socialdemocratici. Oggi i Verdi sono un partito istituzionale, che vuole più Europa e più equilibrio nell’Unione, moderatamente di sinistra, e profondamente ecologisti. Con una forma di moderatismo buono e liberale, che protegga le istituzioni, e difenda gli uomini e l’ambiente.

    Sul tema immigrazione, ad esempio, hanno proposto ricette per migliorare il processo di integrazione di chi arriva e allo stesso tempo propongono di controllare i flussi, ma senza limiti di ingressi prestabiliti. Al centro delle programma rimane ovviamente l’ambiente che si declina con la diffusione dell’energia rinnovabile e di quella solare, con un vero e proprio ‘Manifesto per una Bio-Baviera’. Con l’obiettivo di ridurre drasticamente l’inquinamento causato dalle emissioni delle automobili e sostenere le industrie più ecologiche. Nella ricetta di governo i verdi propongono anche l’abbattimento delle barriere a favore di disabili e anziani, e pari opportunità per donne e uomini.

    Molto forte anche il posizionamento contro la discriminazione di razza e di religione, e degli omosessuali. Infine si batte per la digitalizzazione, con un maggiore uso di internet, sia nel pubblico che nel privato, ma allo stesso tempo dichiara lotta senza quartiere per la difesa dei dati personali degli utenti.


    KATHARINA SCHULZE
    In soli due anni riesce a diventare capo del partito bavarese e nel 2013 entrata nel Parlamento regionale, dove dal 2017 guida i deputati verdi. Prima di abbracciare politica ha studiato psicologia e nel “curriculum” vanta una campagna presidenziale americana da volontaria al seguito di Barack Obama nel 2008. Grande oratrice, in campagna elettorale ha predicato europeismo e maggiore sicurezza per le strade, auspicando allo stesso tempo maggiori politiche di integrazione e un’immigrazione controllata."

    Ti suona familiare?
    Cosa di dicevo al post precedente, che questa è la nuova incarnazione della "sinistra" delle Elite Apolidi. E' un ulteriore passo per rimuovere il passato marxista e/o marxista-leninista e riscrivere la Storia all'indietro. I "fascisti" di domani non saranno quelli "storici", non saranno nemmeno quello "anti-storici", saranno i "maschi", saranno i "bianchi", saranno i "deplorables" americani, saranno le industrie (ovviamente quelle che non fanno capo agli "amici" tipo DeBenedetti) secondo il solito vecchio meccanismo che in Europa arrivano le mode americane con dieci anni di ritardo.

    Da noi negli Anni Settanta c'era ancora gente che voleva fucilare lo Zar. Adesso siamo nel 2019 e i compagni scoprono la segregazione razziale in Alabama e i "figli dei fiori".

    Se fossi un alieno mi sganascerei dalle risate.

    RispondiElimina
  5. Risposte
    1. Ieri un mio parente acquisito sosteneva che le industrie chimiche sono una cosa bellissima, sicurissima e che comunque la soluzione è fare firmare alla gente che vive nei pressi una simpatica liberatoria.

      Prego riflettere sul concetto della liberatoria.

      A titolo di esempio, ha citato il suo contratto di acquisto della casa per il quale ha sottoscritto la notifica che la casa sorge nei pressi di un depuratore.

      Questo per dire che il problema non è "tecnico", il problema è nel comprendonio della gente. Perché la stessa persona sosteneva a spada tratta la necessità di abolire le bottigliette di plastica. Povere bottigliette.

      Elimina
    2. Il postulare con enfasi unendo argomenti tra loro contraddittori, è purtroppo un modo di ragionare-? molto diffuso tra gli “italiani”.

      Questo Paese dovrebbe essere governato da un totalitarismo, ed essere tutto incluso in un unico, grande campo di lavoro.
      Nella giornata-tipo degli ebetini, dovrebbe essere obbligatorio l'apprendimento di materie fondamentali come la logica booleana e la matematica di base.

      Elimina