Testata

Chi ?




colore
esercito
rosa
forze pro-Assad
giallo
curdi
grigio
ISIS
verde
forze anti-Assad
marrone
fronte di battaglia

La situazione militare in Siria nel dicembre 2017, da Wikipedia.

Siria, Putin vuole stravincere. E prepara un piano di pace

Dopo la missione impossibile con cui ha messo fine alla guerra, colloqui con Iran e Turchia per decidere il futuro

Ricordate? Era il settembre 2015 e la guerra siriana sembrava senza vie d'uscita. Così quando - il 30 di quel mese - Vladimir Putin annunciò di voler scendere in campo bombardando l'Isis e gli altri gruppi jihadisti, molti scommisero su un'imminente guerra mondiale.
Una previsione fattasi ancor più verosimile due mesi dopo, quando la Turchia di Erdogan abbatté un aereo russo. Invece Vladimir Putin ha fatto il miracolo. In poco più di due anni ha realizzato un'autentica missione impossibile mettendo fine - grazie alla sconfitta dell'Isis e degli altri gruppi jihadisti - a un conflitto costato oltre 320mila vite. Un'impresa suggellata martedì dell'abbraccio con il presidente siriano Bashar Assad arrivato in gran segreto a Sochi per dare il pieno assenso al suo piano negoziale. Un assenso scontato visto che solo l'aiuto di Putin gli ha permesso di sopravvivere a chi voleva fargli fare la stessa fine di Gheddafi e Saddam Hussein. Ma la missione di Putin non è finita. Non pago di aver tenuto in sella Assad vuole ora far siglare un ambizioso piano di pace ai protagonisti diretti e indiretti del conflitto diventando così il vero ago della bilancia degli equilibri meridionale. Non a caso ieri a Sochi sul Mar Nero ha guidato i colloqui tra il presidente iraniano Hassan Rouhani - principale alleato militare di Bashar Assad - e il suo omologo Recep Tayyp Erdogan, grande protettore di una rivolta anti Assad nata e cresciuta nei santuari disseminati oltre la frontiera turca. Ma non solo. Mentre Rohuani ed Erdogan concordavano con Putin un piano per garantire la permanenza al potere di Bashar Assad e lo svolgimento di nuove elezioni a Riad, il re saudita Salman e suo figlio Mohammed Bin Salman mettevano in atto un altro capitolo del piano proposto da Mosca.

[ ... ]

il Giornale, 23 novembre 2017


Siria, Putin: da Mosca contributo decisivo per sconfitta terrorismo

Mosca ha dato un contributo importante alla sconfitta dei jihadisti siriani, che hanno cercato di trasformare la Siria “in un punto d’appoggio per l’aggressione globale, anche contro la Russia”: lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin.

Oltre 48 mila militari russi hanno preso parte all'operazione antiterrorismo in Siria dal settembre 2015: lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin.

"Più di 48 mila tra ufficiali e soldati — ha detto durante una cerimonia di assegnazione di onorificenze ai militari russi che sono tornati dalla Siria — hanno preso parte all'operazione in Siria negli ultimi due anni: sono rappresentanti di quasi tutte le specialità militari: piloti e marinai, forze speciali e polizia militare, genieri, esploratori, addetti alla comunicazione, specialisti medici e della logistica, ufficiali di comando e consiglieri militari".

[ ... ]

Sputnik, 28 dicembre 2017


1

Il Califfato è quasi del tutto sparito dal territorio siriano, ed è accaduto per “caso”.

Anzi ...
per “magia”.
Anzi ...
forse il Califfato impalcato dalla CIA, co-finanziato dagli emiri arabi, e in affari con la Turchia è stato solo un “brutto sogno” nel limbo onirico in cui sono tenute in ammollo le genti occidentali, che da decenni ragionano per Immaginario indotto dall'industria mass-mediatica e non per Raziocinio scolastico, già pronte per essere incluse 24/7 nella realtà virtuale [ 1 ].

Chi ha vinto la Guerra in Siria, e asportato dalla terra siriana il tumore detto “ISIS” ?

2

Scorrendo gran parte dei mass-media italiani sembra sia accaduto nulla, e se qualcosa è accaduto, è stato per magia oppure per malasorte : ah, il “barbaro” “dittatore” Bashar al-Assad è ancóra in sella !
Mentre gli Usa scaricavano tonnellate di bombe dall'alto per svuotare gli arsenali e muovere il business degli armamenti – spottate sui mass-media lecca-lecca con ridicole riprese in notturna nelle quali s'è visto nulla di significativo, ma chi se la scorda l'enfasi del “giornalista” “italiano” ? – e non poche volte “accidentalmente” sulle postazioni militari siriane ed altri effetti collaterali [ 2 ] ...

la Federazione Russa ha fornito un supporto decisivo sul terreno, che in sinergia con l'esercito regolare della Siria e alcuni gruppi curdi, dopo la caduta di non pochi eroi in battaglie feroci e assedi di parecchi mesi, ha avuto ragione degli integralisti musulmani – tra i quali migliaia di combattenti stranieri – bene addestrati e organizzati sul territorio.
E' un duro colpo morale, inferto a canaglie che declamano di essere invincibili siccome combattenti nel nome del loro dio e nell'odio per l'Occidente, e che sono diventate modelli da seguire per gli adolescenti musulmani importati con troppa generosità in Europa.
Lo sfascio dello Stato siriano è stato riparato, evitando uno scempio come quello della Libia gheddafiana [ 3 ] .
 

Ed ora, i bravi ragazzi russi possono tornare a casa.

3

Rimane il problema dei cittadini “europei” che hanno combattuto per le bandiere nere dell'ISIS – i cosiddetti foreign fighters [ 4 ] – e dei fondamentalisti che sono sciamati dal Medio Oriente in Europa prima e dopo la sconfitta del Califfato sul terreno : mescolati assieme ai migranti economici, ai delinquenti e ai profughi veri.

La reazione inadeguata dello Stato italiano – ad esempio – è il ridicolo decreto di espulsione : [ 5 ].
Parimenti, il ridicolo atteggiamento generale della UE è la “comprensione” del lupo e la rieducazione morbida con le formule verbali democratiche : al contrario, sarebbe necessaria una detenzione rieducativa dura per questi odiatori della Civiltà europea, sul modello dei gulag di età sovietica e delle prigioni dure attuali.

[ ... ]

Bookmark and Share

2 commenti:

  1. Non hai paura di essere oscurato in nome della crociata di regime contro le fake news?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah ...
      non ad personam ... forse, se verrà promulgata una legge di censura.

      Che sarebbe una mossa rischiosa, per il Sistema : se toglie lo sfogatoio aka confessionale al popolo, forse è la volta buona che il popolo s'incazza !

      ===

      Elimina