Testata

23


Uno, nessuno e Di Maio

Mattia Feltri

Di Maio 1: «Il Movimento è nato in reazione al Pd, al loro modo di fare politica. E oggi offre uno stile nuovo». Di Maio 2: «Il Pd ha un’idea perversa del concetto di democrazia». Di Maio 3: «Il Pd è un partito di miserabili che vogliono soltanto la poltrona». Di Maio 4: «Il Pd si fa pagare da Mafia Capitale». Di Maio 5: «Il Pd profana la democrazia». Di Maio 6. «Nel Pd hanno una questione morale grande come tutto il Pd». Di Maio 7. «Nel Pd sono ladri di democrazia». Di Maio 8: «Il Pd è il simbolo del voto di scambio e del malaffare». Di Maio 9: «Nel Pd ci sono gli assassini politici della mia terra, sono criminali politici». Di Maio 10: «Il Pd fa politiche che favoriscono i mafiosi». [ ... ] Di Maio 23: «Il nostro primo interlocutore è il Pd con l’attuale segretario e con le persone che in questi anni hanno lavorato bene».

La Stampa, 6 aprile 2018


1

Menefrego del mercato rionale in corso d'opera tra i partiti politici, per spartirsi il Potere in un possibile ma non certo nuovo Governo “italiano” che non metterà certo in discussione il paradigma economico installato e non più funzionale, e, credo, nemmeno darà qualche contentino agli elettori ( che, nel caso arrivasse, sarà un placebo inutile ).

Riporto un altro post-it da aprile che è un repertorio magistralmente redatto : la sintesi di uno dei motivi per cui recarsi ai seggi per votare, nella “Italia”, è perfettamente inutile.

[ ... ]

Bookmark and Share

8 commenti:

  1. L'utilità ovvero l'efficacia del voto è messa in discussione continuamente.
    Da mille fattori.
    L'assenza del vincolo di mandato e delle elezioni di richiamo è un grave problema perfino costituzionale.
    L'ingerenza dei poteri forti esterni, i vertici transnazionali ultracapitalistici.

    https://www.corriere.it/politica/18_maggio_15/governo-camera-riprende-tavolo-m5s-lega-avanti-tutto-giorno-34379c5c-5818-11e8-9f2b-7afb418fb0c0.shtml

    http://www.repubblica.it/economia/2018/05/15/news/dombrovskis_monito_al_nuovo_governo_fate_scendere_debito_e_rispettate_le_regole_ue_-196435639/?ref=RHPPLF-BH-I0-C8-P1-S1.8-T2

    Qui c'è una sovversione antidemocratica straordinaria.
    Del resto, il presidente della repubblica che martella sull'importanza dell''Europa [e sul trasferimento di potere e sovranità ad essa, a TN, in occasione dell'adunata degli Alpini che sono morti a centinaia di migliaia per questa terra, lo trovo insultante].

    Già, la repubblica democratica.
    Ahahah

    P.S.
    Prego osservare cosa succede in una Democrazia

    http://www.ilgiornale.it/news/mondo/orban-soros-scontro-finale-open-society-lascia-lungheria-1527167.html

    RispondiElimina
  2. "La società si è sciolta nel sistema atomistico delle monadi di consumo privatizzate e post-comunitarie. In tal guisa, la società diviene mera poiezione in superficie dell’economia competitiva, spoliticizzata, deeticizzata. Si torna allo status naturae e al suo bellum omnium contra omnes, dichiarando in partenza dannoso ogni tentativo di uscirne."

    La società frammentata del competitivismo liberista
    Diego Fusaro

    articolo su Il Primato Nazionale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già.
      La progressione parossistica verso l'inselvatichimento radicale dell'essere umano, la riduzione in fiera.
      Placcata d'oro di Bologna - cerca in rete il significato di ''sbolognare'', se non lo sai - con il paterno ammonimento che ogni altra strada tentata è fallita, quindi non ci rimane che rassegnarci ed accettare, passivi e mansueti, questo regime che officia il liberismo crescitista e dirittista in saecula saeculorum.

      Elimina
    2. Come ho già sottolineato più volte, qui e altrove, è la scala il problema, non il "capitalismo" che è congenito etologicamente agli homo.
      Quando le castalie ti martellano con la necessità di "salvarei i profughi" o di "aiutare i poveri" io faccio presente loro che essi non solo scrivono dal salotto, tra un Ca' del Bosco e la telefonata per l'ape a L'Ultima spiaggia di Capalbio, ma lavorano al massacro e alla distruzione della base sociale parassitata della propria piramide sociale locale.
      Ho litigato anche di recente nel GAS: vogliono aiutare i burkinofasesi e sono sfruttatori e masosadici con i poracci propri.
      Anche la solidarietà e l'empatia non possono che essere L O C A L I.

      In ogni caso ci sono studi etologici che dimostrano cone l'mpatia e la solidarietà si hanno in un dominio finito del tenore di vita di una popolazione: se si è a tenore troppo alto o troppo basso l'etologia sociale degrada verso l'individualismo spinto.

      Ah, come ricordo sempre, l'etologia degrada pure all'aumentare della costipazione.

      Elimina
    3. Ah, UCoso, guarda che puoi semplificare facilmente dicendo che un conto è essere "solidali" spezzando il proprio pane, un altro conto è essere "solidali" spezzano il pane altrui. Oppure se vuoi, fare i transgender con il gender degli altri.

      Ne conosco mille di questi che amano il Burkinafaso sotto forma di tavolette di cioccolata eque e solidali della Coop ma che farebbero qualsiasi cosa pur di non avere il Burkinafaso nel proprio condominio o quartiere.

      E qui non dico il Bertinotti col cachemire, dico gli operai delle acciaierie.

      Elimina
    4. > se vuoi, fare i transgender con il gender degli altri

      Ahaha, muoro dalle risate! :)

      Elimina