Testata

Sull'autostrada Tallinn - Riga



(in moto veritas)

Questo post era un'anticipazione : qui c'è il post ufficiale.

Link

Bufalo = Sull'autostrada Tallinn - Riga

8 commenti:

  1. Bravo, bel post. Ti sei accorto in fretta di cosa sia Tallinn la Superba.... Tanta aria fritta senza alcuna sostanza. Bella per qualche giorno da turista ma vuota come una noce divorata dal tarlo del neocapitalismo. Poi quando non c´e´ piu´ nulla da divorare anche il tarlo soccombera´ e solo allora si potra´ veramente pensare ad un mondo nuovo dove il progresso non significa consumare di piu´ ma consumare di meno e distribuirlo a tutti. Bye bye.

    RispondiElimina
  2. A dire il vero, mica tanto in fretta : 80 giorni ...
    Ma già dopo un mese avevo annusato la "puzza" : dovevo tornare a Bolo in aprile, ho rimandato per mordere bene l'amaro frutto - sono un "tommaseo" - ed avere la certezza di stare in una "buccia" attraente ma senza l'"anima".
    Agli estoni di Tallinn auguro un bel default argentino ... forse, dopo, torneranno a vivere (sono allucinanti).

    ---

    Comunque, in settimana pubblicherò le mie riflessioni "oggettive" assieme alla risposta ben elaborata che mi desti ad un post precedente su Tallinn.

    RispondiElimina
  3. Arrivederci caro Bufalo, se hai bisogno di altri spunti io sono sempre qui. Seduto alla finestra per vedere come andra´ a finire questa bella storia di lustrini e paillettes.

    RispondiElimina
  4. Oh ... i "lustrini e paillettes" (ovvero le biondine estoni) me li sono lasciati alle spalle.
    Faticosamente, riprendo a scrivere sul blog.

    RispondiElimina
  5. Cos'è, 'sta nostalgia disperata ?

    In fondo, se me ne sto per un bel pezzo lontano da "bolo", è perchè "bolo" mi stava discretamente sui coglioni ...

    :-)

    RispondiElimina
  6. Beh che dire....Veramente bello, complimenti!
    Goscartan

    RispondiElimina
  7. Grassie Go ... poi, vorrei costruire un architettura del "vuoto" sulla mia esperienza tallinese, raccogliendo tutti gli elementi che ho annotato ...

    Un "architettura del vuoto" (verbale) come quella di Anish Kapoor (scultorea) che ho ammirato a Berlino, lo scorso dicembre : lo conosci ?

    http://www.frieze.com/images/shows/kapoor_1.jpg.

    RispondiElimina