Testata

Più utile da morto




Boris Nemtsov, ai tempi della sua ascesa ( circa due decadi fa ).

Nel prossimo futuro, avremo una produzione di false flag in quantità industriale finalizzata a provocare la guerra in Europa.
La storia dell'abbattimento dell'aereo malese nel luglio dell'anno scorso, è stata solo l'antipasto: subito gli Stati Uniti attribuirono la responsabilità alla Russia ma, dopo poche settimane, dovettero abbandonare l'argomento giacché le prove portavano nella direzione opposta.
Solo gli stati europei possono fermare la deriva ideologica ed estremista degli Stati Uniti: una deriva in cui viene utilizzato il terrorismo per scatenare una guerra devastante su suolo europeo.
Gli stati europei possono impedire tutto questo opponendo rifiuto e intensificando rapporti commerciali che, peraltro, sono nell'interesse delle popolazioni europee;a differenza, cioè, delle recenti sanzioni anti-russe imposte dall'America, che hanno provocato miliardi di danni alle aziende europee e italiane.
Per cui, ben vengano i nuovi accordi sul gas stipulati tra Grecia e Russia e, mi pesa dirlo, ben venga perfino il tentativo di Renzi di coinvolgere la Russia nell'azione di contenimento dell'Isis (quest'ultima cosa non andrà mai in porto per mancanza di peso internazionale del proponente, ma tant'è).

[ articolo ].

Riccardo Paccosi


1

Ogni evento va soppesato e giudicato nel contesto in cui avviene, e va ponderato se esiste un vantaggio e per chi.
L'assassinio di questo politicante ed affarista fallito è capitato nella fase più calda della Crisi ucraina all'interno della Guerra Fredda 2.0, cioè nel momento in cui il Grosso Fratello ammerigano ( corroborato dalla merdosa stampa europea e nordamericana ) sta cercando con le ennesime porcherie propagandistiche di convincere le masse occidentali che la guerra contro la Federazione Russa sia cosa giusta ( leggasi: intervento NATO nel Donbass, e inevitabile reazione russa ).
Quoto il pensiero dell'amico Riccardo Paccosi.

2

Boris Nemtsov è stato assassinato poco dopo la mezzanotte tra il 26 e il 27 febbraio, mentre attraversava il ponte sulla Moscova che porta al Cremlino di Mosca in compagnia della sedicente modella e attrice ucraina Anna Duritskaja da Kiev [ 1 , 2 ], due giorni prima di una manifestazione dei partiti di opposizione al Presidente della Federazione Russa, V. V. Putin.
Subito gli imbratta-carta hanno 1 ) chiosato quanto fosse capace, “democratico” e importante la vittima, e 2 ) associato - chi più, chi meno esplicitamente - l'evento criminoso a una decisione personale di Putin.




Una prima pagina della stampa popolare britannica, il Sun è il quotidiano più venduto nel Regno Unito.
Nota : la vittima ( nel mirino ) è fotografata assieme all'immancabile senatore USA John McCain [ 3 ].




Il senatore USA John McCain, un uomo buono per tutte le situazioni ...

3

Bene.
Andiamo alla verifica.
Pupillo del “democratico” Boris Eltsin ( Corvo Bianco piaceva tanto agli ammerigani ... nel 1993 fece bombardare il Parlamento russo che a maggioranza aveva votato contro le riforme economiche radicali che buttarono nella povertà decine di milioni di connazionali : 187 morti + 437 feriti nell'azione terroristica ), dopo il fallito golpe a Mikhail Gorbachëv e l'ascesa dell'ubriacone, la lealtà di Boris Nemtsov viene ricompensata con la nomina a rappresentante plenipotenziario del Presidente della Federazione Russa nell'oblast' di Nižnij Novgorod. In seguito, nel dicembre 1991, viene nominato Governatore dell'oblast' ( carica confermata - stavolta per volontà popolare - nel dicembre 1995 ).
Dal dicembre 1993, il piccolo apprendista oligarca raddoppia le cariche : viene eletto al Consiglio della Federazione Russa, la camera alta del Parlamento [ 4 ].

Dal marzo 1998 all'agosto 1999 è vice-primo ministro del Governo, e riceve anche la medaglia dell'Ordine al merito della Patria [ 5 ].
Comincia bene, insomma. Alcuni sondaggi lo vedono come candidato alla Presidenza della Federazione, ma poi il tracollo della borsa e la crisi economica che ne segue, frutto delle riforme neo-liberiste da lui sempre sospinte e agite, ne offuscano irrimediabilmente l'immagine di mago della nuova economia.
Il declino è rapido.
Nell'agosto 1999, diviene uno dei cofondatori della nuova coalizione “liberale democratica” Sojuz Pravych Sil ( Сою́з Пра́вых Сил : Unione delle Forze di Destra ) [ 6 ] che riceve quasi 6 milioni di voti, pari all'8,6% nelle elezioni parlamentari del dicembre dello stesso anno.

Viene eletto alla Duma di Stato, la camera bassa del Parlamento.
Già alle elezioni parlamentari del dicembre 2003, leader ( e capolista ) assieme ad Anatoly Chubais, il partito riceve solo 2,4 milioni di voti, pari al 4% del complessivo, non raggiungendo così la soglia minima del 5% per avere rappresentanti in Parlamento.

Alle elezioni del 2007 ha lo 0,96% dei voti, dopo lo scandalo che travolge una società d'affari di cui è presidente ( omesso - chissà perché - nella scheda wikipediana italiana ).
Apperò.
Successivamente si unisce ad altri partiti di destra liberale nel soggetto Solidarnost ( Солидарность : Solidarietà ) [ 7 ] ( con il quale concorre per la poltrona di Sindaco di Sochi, sua città natale, perdendo ), che ancóra cambia nome per un altro nulla-di-fatto elettorale ( ottiene 0 seggi alla Duma ) [ 8 ].
=
Come uomo politico, Boris Nemtsov era un fallito : i “giornalisti” occidentali sparano cazzate.

4

C'è un punto da mettere a fuoco, come detto, ed è l'intreccio tra politica, finanza, e criminalità.
Dopo avere perso il seggio parlamentare nel 2003, nel 2004 Boris Nemtsov viene nominato presidente del consiglio d'amministrazione della società Neftyanoy Concern che controlla la Neftyanoy Bank di Igor Linshits [ 9 , 10 ].
Da quella posizione, senza pudore alcuno inizia a finanziare il suo partito.
La Neftyanoy Bank viene indagata nel novembre 2005 per connivenze con la criminalità organizzata e uno scandalo finanziario da 57 miliardi di rubli : 6 manager arrestati, Linshits che fugge in Israele - toh ! - dove otterrà la cittadinanza [ 11 ].
L'ex-piccolo apprendista oligarca la scampa, ma la sua popolarità - già in calo - accuserà un ulteriore ribasso.

{ con un certo senso dell'umorismo, uno dei suoi ultimi progetti politici si chiamava Partiya narodnoy svobody “Za Rossiyu bez proizvola i korruptsiyi” ( Партия народной свободы «За Россию без произвола и коррупции» : Partito della Libertà del Popolo “Per una Russia senza criminalità e corruzione” ) [ 12 ] : quanto a demagogia, era secondo a nessuno, la firma “Libertà” nel nome di un partito politico è una stigmata }.

5

Secondo punto spesso tralasciato.
Gli imbratta-carta hanno dimenticato di sviluppare il personaggio e la posizione di Anna Duritskaja la sedicente “modella e attrice” ( io leggo : “escort” ) arrivata dalla capitale ucraina, che da qualche anno soddisfaceva i bisogni sessuali dell'ex-piccolo apprendista oligarca, uomo sposato e con figli.
Oh.
I soliti tabloid britannici, ora romanzano di quanto la poverina tema per la sua vita [ 13 ] : beneficerà del programma di protezione dei testimoni, con il Cremlino che dovrà stare al gioco delle parti ... fino a che ( e se ) la Giustizia russa avrà le prove del coinvolgimento della bella escort di classe.
Oh.
Un agguato di stampo mafioso ...
e i killer lasciano perfettamente illesa una testimone così ?
Suvvia.

6

Ecco ...
stiamo discutendo di un filantropo “liberale” rimpianto ora dall'Occidente come una risorsa ineguagliabile. Con lo sputtanato Gad Lerner che grida un paragone con Giacomo Matteotti !


Boris Nemtsov, che oggi i “giornalisti” occidentali acclamano come uno dei pilastri morali della politica e della società russa, è stato uno dei tanti arrampicatori disinibiti nello sbandamento della Russia post-sovietica, ha sfiorato il colpo grosso, ma poi era diventato marginale.
Un uomo sul taccuino degli USA ma di poco valore, da almeno 10 anni non era un fattore.
Lo è adesso e in chiave anti-putiniana, da morto : il classico “più utile da morto, che da vivo”.
Per le pecore che ci cascano, e per i furbi che ci lucrano.

...

Bookmark and Share

9 commenti:

  1. Secondo me sarebbe meglio non arzigogolare su argomenti di cui non si sa niente di niente. Un sano "non lo so" è meglio di dotte disquisizioni che partono da pre-concetti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lorenzo ...
      in questo post, ho citato dati e fatti a josa, proprio per sgomberare il campo da preconcetti.
      Io ho tirato le mie somme, e dico che l'assassinio di Nemtsov non porta vantaggi a Putin, al contrario è un altro argomento anti-putiniano per i media occidentali, grancassa della politica globale degli Saudi Uniti.
      Ti disturba la citazione del bombardamento della Casa Bianca a Mosca ( 1993 ) ?
      E' organica, utile a fare capire l'ambiente politico in cui è nato e ha sviluppato la propria posizione l'assassinato.
      Quanto alle frequentazioni yankee di Nemtsov, non è un mistero né un'invenzione che, date le sue idee in materia economica, fosse ben visto e tenuto in contatto. Il senatore McCain è l'inviato speciale dell'amministrazione USA a dirigere le porcherie nel mondo, una brutta, bruttissima frequentazione ...
      Anche questo, tutto provato ( a meno che non mi dici che le foto di McCain in Libia e Siria in realtà sono state catturate durante feste in maschera a Sharm-el-Sheik, ma anche tutti gli articoli dei media ''ufficiali'' in merito al sostegno militare e finanziario ai ''ribelli'' sono fakkate ).

      Ecco ...
      magari scrivi al Sun, a Gad Lerner, a decine e decine di altri ( quasi tutti, con l'eccezione solita de il Giornale e poco altro ), che sono partiti in quarta ad accusare Putin sulla base di preconcetti.

      Elimina
    2. > meglio non arzigogolare su argomenti di cui non si sa niente

      Tempo addietro, quando proprio ignoravo un argomento in cui incappavo (e io sono molto ignorante e mi rendo conto di esserlo sempre più ad ogni cosa che apprendo), per capire quale potrebbe essere una verità, usiamo due strategie

      o - apprendere la posizione della chiesa
      o - apprendere la posizione degli Stati Uniti

      e cercare un senso esattamente in direzione opposta.

      Ora si è aggiunto un'altro criterio e le cose sono più complesse

      o - apprendere le posizioni sinistro-dirittiste-globaliste-politicamentecorrettiste

      guardare all'opposto anche per queste.

      In questo caso le ingerenze NATO/USA e le ciance scandalizzate del politicamente corretto democraticamente violate e la catechesi dei mezzi di comunicazione di massa dicono più di mille enciclopedie.

      Inq uesta pagina apprendo alcune ulteriori cose interessanti.

      Elimina
    3. Non mi disturba niente.

      Tanti tanti anni fa mi hanno detto che la FIsica non cerca il "perché" delle cose ma solo il "come".

      Qui noi non abbiamo accesso alle informazioni sul "come" e stiamo partendo da un "perché" pre-definito che poi andiamo a sostanziare con una specie di dimostrazione a posteriori.

      Leggevo giorni fa dei famosi "dotti economisti" che, dopo avere constatato che tecnicamente le teorie marxiste erano sbagliate, partivano dalla premessa di volere mantenere le conclusioni di queste teorie per formulare una teoria alternativa che avesse le medesime conclusioni.

      Spero che non sia necessario discutere sulla follia di questo modo di ragionare, cioè prima formulare le conclusioni e poi formulare una teoria qualsiasi che porti a queste conclusioni.

      Insisto, meglio sospendere il giudizio piuttosto che avere un pre-giudizio.

      Elimina
    4. A Lorenzo stona l'assonanza tra questi miei post e la retorica pluridecennale catto-sovietica ... che neanche a me piaceva.
      Solo che nel 1991 è successo “qualcosa” : l'URSS è crollata, e da allora non ritengo che gli interessi ammerigani coincidano necessariamente con i miei personali, quelli dell'unità amministrativa 0039, ed europei in generale.

      Elimina
    5. Non ci siamo capiti.

      Faccio un esempio su me stesso: tempo fa sostenevo che tutta la faccenda della immigrazione fa parte di un piano concepito da elite sovranazionali che prevede di usare gli immigrati come leva per scardinare le società europee.

      Il mio ragionamento però non parte dal "perché", cioè dallo scopo del piano. Parte dal "come" e cioè dalla constatazione che il fenomeno migratorio non può essere spontaneo per considerazioni banalmente meccaniche e logistiche, connesse agli eventi che accompagnano lo spostamento di grandi masse di persone attraverso aree inospitali, che da sempre è stato il problema primo della campagne militari. I Romani costruivano le strade i ponti e le stazioni di rifornimento per muovere le legioni. Qui invece di spacciano l'idea che si materializzino dal nulla migliaia di persone da un punto di partenza lontano diecimila chilometri con in mezzo deserti, fiumi, montagne e mari. Con l'idea che questi non abbiano i mezzi di sussistenza e quindi una mattina partano in ciabatte col fagotto sulla spalla.

      Una volta che si considera il "come", il "perché" è una semplice derivata. E ha un valore relativo, dato che il "come" è uno, i "perché" potrebbero essere anche più di uno.

      Nel caso di cui sopra si tende a fare il contrario e cioè si parte da una idea preconcetta e poi si cerca una spiegazione che la supporti. Si parte da un "perché" e si va a cercare un "come" che corrisponda.

      Elimina
    6. No.
      Non ci siamo capiti ... il tuo ragionamento sullo spostamento delle grandi masse migratorie è ineccepibile, ma quello è un fenomeno visibile macro ed invece qui siamo di fronte a un fenomeno micro cioè l'esecuzione di un assassinio singolo.
      Milioni di individui che si spostano è una cosa, sparare e uccidere uno ( o mettere un pacco-bomba sul treno, nella sala d'attesa di una stazione ... etc. ) è un'altra.
      Le dimensioni logistiche sono affatto differenti.
      Ma ...

      Qui noi non abbiamo accesso alle informazioni sul "come" e stiamo partendo da un "perché" pre-definito [ ... ]

      No.
      Quando un fatto logisticamente micro viene strumentalizzato ( dai mass-media - e al paragrafo 3 ti ho dimostrato che sparano cazzate - e dai politicanti ) ed usato per aizzare le masse alla Guerra, io, seppure nella massa sono un puntino, sento il bisogno di farmi un'opinione su quell'evento.
      E posso farmela, siccome il mandante non è il mio amico del bar che quando alza il gomito parte con le confidenze ''segretissime'', e l'esecutore non è l'altro amico del bar che idem, e nemmeno io sono entrambi, usando strumenti deduttivi in un ragionamento che consta dei dati in chiaro di comune dominio.

      Perciò ti rimando all'inizio del post :

      Ogni evento va soppesato e giudicato nel contesto in cui avviene, e va ponderato se esiste un vantaggio e per chi.

      ...

      Elimina
    7. Quello che fanno o non fanno i "mass media", dato che sono strumenti per il controllo delle masse, non ha niente a che fare con la "verità".

      Vuoi "farti una opinione"? Non ne capisco la ragione. Una opinione fondata sul nulla, dato che tu non sai niente sul fatto in oggetto, non ha alcun valore. E' un pregiudizio, lo ripeto, cioè un giudizio emesso prima di conoscere i fatti.

      All'inizio del posto scrivi "ogni evento va soppesato", falsissimo, ogni evento va prima osservato. Cosa soppesi se non ne sai nulla?

      La falla poi è evidente nel "se esiste un vantaggio e per chi". Siccome a me sta sulle scatole il vicino di casa, se questo va sotto una macchina ergo sono stato io?

      Boh, non ci siamo.

      Elimina
    8. Siccome a me sta sulle scatole il vicino di casa, se questo va sotto una macchina ergo sono stato io?

      Sono incline a pensare che sia stato tu, se - ad esempio - 10 anni fa gli hai sottratto le chiavi di casa con destrezza, e per anni l'hai usata per gli affari tuoi.
      Poi, siccome in qualche modo era riuscito di nuovo a riprendere il controllo dell'appartamento e a te questo non andava bene, 1 anno fa hai deciso di usare la forza bruta, e assieme a tuoi amici nazi hai fatto irruzione, l'hai menato e cacciato fuori a calci-nel-culo, e gli hai devastato l'appartamento.
      ( questi reati sarebbero cmq. dovuti bastare, in un Sistema governato da una Giustizia, a rinchiuderti in gabbia per un tot di tempo, ma siccome in Ucraina l'aggressore è il Manganello internazionale aka USA ... ).
      Infine, siccome quello mica s'è dato per vinto : s'è procurato un'arma da fuoco, ben convinto a riprendersi quello che era suo per le vie brevi ... e una notte, è stato trovato morto per strada.
      =
      Sì.
      A questo punto, sarei portato a pensare che sei stato tu.

      Di dati, nel post, ce ne sono parecchi.
      Non te ne frega nulla dell'argomento ... non ti importa di cosa capita fuori dalla camera di Lorenzo ( ma dei flussi migratori t'importa, e allora chissà perché sei sicuro che una eventuale Guerra che coinvolgerà anche 0039 in quanto Paese membro della NATO - ed il manico è lo stesso - non coinvolgerà minimamente Lorenzo ... ) ... ti indispone che si parli male degli Stati Uniti d'America ?

      Boh.
      Affari tuoi.
      Qui stai esagerando, con l'uso del rasoio di Lorenzo = ti rifiuti al 100% di affrontare l'argomento.
      Ma è un diritto tuo, ci mancherebbe.

      Elimina