Testata

Coronavirus ?




La curva demografica europea nella Storia


La Peste Nera: Qual è la Cosa Peggiore che ci può Capitare con il Coronavirus?

[ ... ] esiste un accordo generale sul fatto che la grande peste del 14 ° secolo (correttamente definita "Peste Nera") abbia spazzato via circa il 40% della popolazione europea, alcuni dicono di più. Se questo non è il caso peggiore, quale sennò? Una nuova epidemia potrebbe causare qualcosa di simile?

In linea di principio, se una cosa è successa nel passato, potrebbe succedere di nuovo. Ma, naturalmente, può succedere solo se si verificano condizioni simili. Se esaminiamo in dettaglio il caso delle pandemie europee, vediamo che non hanno mai colpito in momenti casuali, hanno colpito popolazioni già in difficoltà. Virus e batteri sono creature opportunistiche che tendono ad espandersi quando trovano un bersaglio debole. Nel caso della peste nera del XIV secolo, colpì l'Europa dopo il fallimento del tentativo di espandersi ad est con le crociate. L'Europa si era trovata sovrappopolata, nel mezzo di una crisi sociale e culturale, e senza via d'uscita. Il risultato fu una serie di carestie, guerre interne e turbolenze sociali e politiche che aprirono la porta alla pestilenza. Qualcosa di simile è accaduto con la seconda esplosione principale della peste del 17 ° secolo. È arrivata dopo la guerra dei 30 anni che aveva distrutto il tessuto stesso della società europea, creando povertà, carestie e lo sfollamento di intere popolazioni.

La regola secondo cui le pandemie arrivano con le carestie vale anche per l'ultima (finora) grande pandemia mondiale: l'influenza spagnola del 1918-1920. Era associata alle carestie generate dalla prima guerra mondiale. A differenza del caso della Morte Nera, tuttavia, la spagnola è arrivata in un contesto di espansione economica e crescita della popolazione. Certo, è stato un disastro: potrebbe aver ucciso circa l'1-2% della popolazione mondiale dell'epoca (ovvero 20-50 milioni di vittime su una popolazione di circa 2 miliardi). Ma è a malapena visibile nelle curve di crescita della popolazione del 20 ° secolo. Altre moderne epidemie, AIDS, Ebola, SARS, ecc., si stanno espendendo solo in paesi dove ci sono carenze alimentari, di assistenza sanitaria, e di altro tipo. In occidente o non esistono oppure, come l'AIDS, sono in netta remissione (di nuovo, finora).

[ ... ].

Effetto Cassandra


1

Ne parlavo con un amico medico qualche tempo fa : le grandi epidemie ( pandemie ) fanno stragi quando sommate ad altri fattori che hanno pesantemente inficiato la salute delle comunità umane.

{ sorprendente caso della Vita : proprio mentre componevo questo post, ho sentito bussare alla vetrina dell'Ufficio – il bar cinese che ho battezzato come mia sosta quotidiana – e ... chi ti vedo là fuori ? Davide, “ovviamente” ... che non vedevo da un bel pezzo ! }.
Il post di Ugo Bardi su Effetto Cassandra [ 1 ] aiuta a riportare un po' di razionalità sull'argomento, mentre la psicosi apocalittica ammorba qualche disgraziato tra noi.

2

Alcune definizioni :



FAQ - Nuovo Coronavirus COVID-19

1. Che cos'è un Coronavirus?


I Coronavirus sono una vasta famiglia di virus noti per causare malattie che vanno dal comune raffreddore a malattie più gravi come la Sindrome respiratoria mediorientale (MERS) e la Sindrome respiratoria acuta grave (SARS).

Sono virus RNA a filamento positivo, con aspetto simile a una corona al microscopio elettronico. La sottofamiglia Orthocoronavirinae della famiglia Coronaviridae è classificata in quattro generi di coronavirus (CoV): Alpha-, Beta-, Delta-- e Gammacoronavirus. Il genere del betacoronavirus è ulteriormente separato in cinque sottogeneri (tra i quali il Sarbecovirus).

I Coronavirus sono stati identificati a metà degli anni '60 e sono noti per infettare l'uomo ed alcuni animali (inclusi uccelli e mammiferi). Le cellule bersaglio primarie sono quelle epiteliali del tratto respiratorio e gastrointestinale.

Ad oggi, sette Coronavirus hanno dimostrato di essere in grado di infettare l'uomo:

● Coronavirus umani comuni: HCoV-OC43 e HCoV-HKU1 (Betacoronavirus) e HCoV-229E e HCoV-NL63 (Alphacoronavirus); essi possono causare raffreddori comuni ma anche gravi infezioni del tratto respiratorio inferiore.
● Altri Coronavirus umani (Betacoronavirus): SARS-CoV, MERS-CoV e 2019-nCoV (ora denominato SARS-CoV-2).

2. Che cos'è un nuovo Coronavirus?

Un nuovo Coronavirus (nCoV) è un nuovo ceppo di coronavirus che non è stato precedentemente mai identificato nell'uomo. In particolare quello denominato SARS-CoV-2 (precedentemente 2019-nCoV), non è mai stato identificato prima di essere segnalato a Wuhan, Cina, a dicembre 2019.

3. Cosa è il SARS-Cov-2?

Il virus che causa l'attuale epidemia di coronavirus è stato chiamato "Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2" (SARS-CoV-2). Lo ha comunicato l'International Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV) che si occupa della designazione e della denominazione dei virus (ovvero specie, genere, famiglia, ecc.). A indicare il nome un gruppo di esperti appositamente incaricati di studiare il nuovo ceppo di coronavirus. Secondo questo pool di scienziati il nuovo coronavirus virus è fratello di quello che ha provocato la Sars (SARS-CoVs), da qui il nome scelto di SARS-CoV-2.

4. Cosa è la COVID-19?

La malattia provocata dal nuovo Coronavirus ha un nome: “COVID-19” (dove "CO" sta per corona, "VI" per virus, "D" per disease e "19" indica l'anno in cui si è manifestata). Lo ha annunciato, l’11 febbraio 2020, nel briefing con la stampa durante una pausa del Forum straordinario dedicato al virus, il Direttore generale dell’Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus.

[ ... ].

Ministero della Salute


3

Chiarendo che secondo sintomi e conseguenze sinora note la COVID-19 può essere definita come una influenza dalle eventuali complicazioni più pesanti del solito [ 2 ] :



Coronavirus: nell’80-90% dei casi è come l’influenza, per gli altri rischio polmonite
L’infezione, dai dati epidemiologici oggi disponibili su decine di migliaia di casi, causa sintomi lievi e moderati nella maggior parte dei casi
di Marzio Bartoloni
23 febbraio 2020


Ora che il numero dei contagi da coronavirus cresce anche nel nostro Paese è utile capire quali sono al momento le conseguenze più conosciute di questo virus. Effetti che sono stati riepilogati da Giovanni Maga, direttore Cnr-Igm, Istituto di genetica molecolare del Consiglio nazionale delle ricerche: nell’80-90% dei casi chi contrae il coronavirus ha gli stessi sintomi dell’influenza. Nel resto dei pazienti può svilupparsi una polmonite con un ricovero in terapia intensiva nel 4% dei casi.

[ ... ].

Il Sole 24 ORE


E chiarendo le modalità del contagio :


FAQ - Nuovo Coronavirus COVID-19

[ ... ]

10. Come si trasmette il nuovo Coronavirus da persona a persona?

Il nuovo Coronavirus è un virus respiratorio che si diffonde principalmente attraverso il contatto stretto con una persona malata. La via primaria sono le goccioline del respiro delle persone infette ad esempio tramite:

● la saliva, tossendo e starnutendo
● contatti diretti personali
● le mani, ad esempio toccando con le mani contaminate (non ancora lavate) bocca, naso o occhi

In casi rari il contagio può avvenire attraverso contaminazione fecale.

Normalmente le malattie respiratorie non si tramettono con gli alimenti, che comunque devono essere manipolati rispettando le buone pratiche igieniche ed evitando il contatto fra alimenti crudi e cotti.

Studi sono in corso per comprendere meglio le modalità di trasmissione del virus.

[ ... ].

Ministero della Salute


Le precauzioni igieniche da usare sono le solite : non avere contatti con persone infette, lavarsi accuratamente le mani dopo che si sono frequentati luoghi pubblici, non toccarsi gli occhi e la bocca prima di avere lavato le mani.
{ tutte cose che la mamma e il medico di famiglia dovrebbero averci insegnato già da piccoli, no ? }.


4

A proposito di precauzioni, nelle ultime ore abbiamo assistito alla sotto-psicosi delle mitologiche mascherine :

 

Coronavirus, vanno a ruba le mascherine a Milano
Scaffali vuoti anche nei negozi di bricolage


Video.

[ ... ].

ANSA.it


Mascherine, disinfettanti e posti vuoti: Roma-Milano in treno ai tempi del virus

Sabato 22 Febbraio 2020

Alla stazione Termini il gel disinfettante per lavarsi le mani lo vendono anche in edicola; alla stazione centrale di Milano, i discorsi che si sentono alla fine girano sempre attorno allo stesso argomento, anche perché qui la zona rossa è più vicina, Codogno è a meno di un’ora di macchina. Dice una signora milanese all’amica prima di salire sul treno: «Alla fine mi sono fatta prendere anche io dalla psicosi e sono andata in farmacia a comprare il disinfettante per le mani. La mascherina no, quella serve se sei malato e vuoi tutelare gli altri. Ma in fila c’erano tutte persone che chiedevano mascherine e la farmacista era attaccata al telefono per ordinarne altre». In treno tra Roma e Milano, tra Milano e Roma, attraversando un paese che in 24 ore ha scoperto di essere in emergenza coronavirus.

[ ... ].

Il Messaggero.it


Mi piacerebbe sapere quanti di coloro che le hanno comprate e/o quanti dei loro affetti hanno il fisico indebolito da patologie cardiovascolari e/o un sistema immunitario già compromesso, tanto da usare tutte le massime precauzioni possibili : farsi portare a domicilio tutto il possibile, uscire di casa solo in occasioni eccezionali e limitando i contatti umani, tenendosi a due metri di distanza dagli altri e usando in tali situazioni – eccola che entra in scena da ultima – la mascherina.

5

Annoto qualche pagina-web utile per informarsi sul fenomeno epidemico e seguirne l'evoluzione :



#
lingua
sito
pagina
1
ITA
Protezione civile
Emergenza Coronavirus [ portale ]
2
ITA
Dipartimento della Protezione Civile su ArcGIS Online
COVID-19 Italia - Monitoraggio della situazione
3
ITA
Ministero della Salute
Nuovo Coronavirus [ portale ]
4
ITA
Ministero della Salute
FAQ - Nuovo Coronavirus COVID-19
5
ITA
EpiCentro – Il portale dell'epidemiologia per la sanità pubblica
Coronavirus [ portale ]
6
ENG
Organizzazione Mondiale della sanità
Coronavirus [ portale ]
7
ENG
Organizzazione Mondiale della sanità
Coronavirus disease (COVID-2019) situation reports
8
ENG
Contagion Live
Latest respiratory infections videos
9
ENG
Contagion Live
The Contagion® Outbreak Monitor – Novel Coronavirus
10
ENG
The Center for Systems Science and Engineering (CSSE) at JHU
Mapping 2019-nCoV
11
ENG
Johns Hopkins University su ArcGIS Online
Coronavirus COVID-19 Global Cases by Johns Hopkins CSSE






Particolari della mappa globale aggiornata in tempo reale sul sito della Johns Hopkins University ( snappata il 23 febbraio alle 10:05 ).


Per chi vuole essere aggiornato in tempo reale sulla diffusione globale del virus, da alcune settimane è on-line una mappa interattiva realizzata dalla Johns Hopkins University : [ 3 ].
{ PcProfessionale ne parla in questo articolo : [ 4 ] }.

[ ... ]

Bookmark and Share

2 commenti:

  1. Io evito i bar dei cinesi per altri motivi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei una cattiva kompagna, Sara !
      Dovresti adorare Xeno e i suoi figli, sempre e comunque !

      :P

      Serio : non so nella tua zona oltre l'Appennino, ma 051 è piena di bar cinesi e il livello igienico è mediamente accettabile.
      Sto replicando proprio da un bar in centro storico gestito da cinesi, non è esente da qualche pecca ( che ho già fatto presente alla proprietaria ) ma il livello igienico è molto buono, il cibo fresco e salubre.

      Questo dei bar cinesi è uno di quei casi in cui valuto ogni situazione a sé stante.

      Elimina