Testata

Il compagno James T. Kirk




Una elaborazione digitale del capitano dell'astronave Enterprise, eseguita dall'artista grafico Rabittooth [ 1 ].

Pd, la Festa dell'Unità celebra Star Trek: e il capitano Kirk sarà a Bologna

Dal 16 al 19 settembre una curiosa iniziativa alla kermesse dei Democratici. E arriva pure l'attore di Hollywood William Shatner

L'Enterprise atterra al Parco Nord nell'ultimo week end della Festa dell'Unità. Tutto all'insegna dell'intrattenimento l'annuncio che il Pd bolognese fa in vista dell'apertura della festa provinciale, il 25 agosto. La kermesse Pd accoglierà infatti negli ultimi tre giorni della festa (17,18 e 19 settembre) William Shatner, l'attore canadese che interpretò il capitano James Tiberius Kirk dell'Enterprise nella serie televisiva Star Trek, nei primi tre anni della sua edizione, dal 1966 al 1969.

[ la Repubblica ]


1

Nessuna sorpresa per questa iniziativa : c'è un continuum ideologico tra la saga fantascientifica Star Trek [ 2 ] e le politiche global del Partito Democratico;

infatti la Federazione dei Pianeti Uniti, entità amministrativa di un futuro immaginato, negli episodi in tv e al cinema procede in linea retta per inclusione e integrazione progressiva dei popoli – anche di quelli più bellicosi, che magicamente vengono ammansiti – scoperti dalle missioni spaziali ai margini dell'universo, e i pistolotti sul lavoro di squadra si sprecano come mantra, nelle serie televisive e nei film;
ma anche nella fiction ambientata nel XXIII secolo c'è un Migliore tra gli uguali della variopinta ciurma spaziale, e non si discute : il capitano della USS Enterprise NCC-1701 – NCC-1701-A ( diciamo pure “l'originale” ) è Lui, James T. Kirk [ 3 ] ... 
e adesso, grazie al lavoro del Partito, finalmente la verità è rivelata : quella “T.” non è l'iniziale di Tiberius – come erroneamente ci aveva fatto credere Gene Roddenberry, e noi eravamo cascati nel tranello della controinformazione di marca CIA – ma di Togliatti.

Bookmark and Share

17 commenti:

  1. Originariamente in Star Trek la "Federazione" coincideva con gli USA degli anni '60 (l'enterprise era una portaerei, le divise colorate sono riprese pari pari da quelle in uso sulle portaerei). I Klingon erano i Russi, i Romulani erano i Cinesi, in entrambi i casi ogni tanto, per colorire, si buttava li qualche riferimento all'Europa del Terzo Reich.

    Prego notare che nella Federazione di TOS (the original series) non ci sono alieni tranne Spock, che comunque è mezzosangue.

    E' in tempi recenti che la Federazione è diventata "politically correct" e omnicomprensiva, con TNG (the next generation), non a caso la serie più inguardabile mai prodotta, col capitano omo, il suo amichetto primo ufficiale, la consigliera emotiva, l'ingegnere cieco (non Chekov), il robot pinocchio, eccetera.

    Star Trek è un esempio perfetto di riscrittura all'indietro della Storia. Quindi va benissimo alla Festa dell'Unità, dove hanno riscritto tutto il Novencento e ancora ci stanno lavorando. Ogni giorno bisogna aggiornarsi sulle novità, sugli "update".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, la saga Star Trek ha vissuto la stessa parabola della Sinistra “italiana” ed europea, la stessa trasformazione genetica.

      ===

      Elimina
    2. Un amico mi ha scritto in pvt su FB :

      A proposito di riscrittura di saghe dovresti vedere cosa sta succendendo da circa un paio d'anni sui fumetti Marvel: gay come se piovesse, eroi muslmani eccetera...

      Lamadonna.

      ===

      Elimina
    3. Propedeutica per l'accettazione della mitica società multi-etnica di qua, e/o tentativo di contaminazione di là ?
      Carina, l'idea di contaminare il mondo musulmano con i fumetti super-eroistici;
      bisogna vedere come vengono recepiti e con quale spirito, però, sia nell'Islam profondo cioè in società largamente iconoclaste e refrattarie agli impulsi dall'esterno ( se vi arrivano ), che in quello prossimo all'Occidente;
      comunque, un super-eroe musulmano è identitario in sé, auguriamogli qualche crisi d'identità;
      in generale, è la tendenza dei media franchise USA ad includere tutto e di più.

      ===

      Elimina
    4. Non c'entra nulla l'Islam con gli eroi islamici nella NOSTRA narrativa. Servono a demolire NOI, non loro.

      Elimina
    5. Piano.
      A parte che le pubblicazioni in lingua inglese e francese vengono lette da milioni di musulmani che vennero amministrati dagli Imperi europei, vengono stampate anche le edizioni in lingua araba dei super-eroi geo-localizzati, come [ Ms. Marvel ] ( una teenager paki-americana del New Jersey ).

      ===

      Elimina
    6. Si vengono lette e quelli concludono che siamo delle merde, infatti vengono qui convinti che gli sia tutto dovuto.

      Elimina
  2. Ah, è tutto cosi. Episodio IV di Star Wars era una fiaba fantasy, cavalieri, principesse. Poi hanno dovuto pastrocchiare tutto con le "quote razziali", quindi ci devono essere tot neri, tot asiatici, tot personaggi femminili. Più andiamo avanti, peggio diventa.

    L'ultimo episodio, prodotto da Disney per inciso, era inguardabile. Tutto rimpicciolito tranne il "laserone" dei cattivi e i personaggi principali ridicoli-macchietta invece che "stereotipo" come quelli originali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ...
      non rinfreschiamo la discussione al sangue su [ Star Wars VII ] ...

      Elimina
    2. Vai a vedere i trailer di "Rogue One".

      Elimina
    3. Oh ...
      non li ho ancóra visti, ho giusto bisogno di un diversivo di minuti, e vado ...

      Elimina
    4. Letta la scheda wiki, visti il [ trailer ufficiale ] e il [ backstage ];
      prime impressioni :

      – sceneggiatura : buona l'idea di rappresentare una parte tagliata nei film ( semplificazione ) eppure fondamentale, come la missione dei ribelli per carpire i piani della Morte Nera, indispensabile per la vittoria ( mai ) finale;

      – immagine : mi piace molto lo stile grafico, bene accurato, e il robottone retrò;

      – attori : beh, un Forest Whitaker immenso, chissà se gli altri personaggi saranno piatti o avranno profondità.

      Chissà se, almeno in questo episodio di Star Wars la massa cioè l'uomo della strada avrà voce : è quello che manca, mi sembra, nei film visti sinora;
      indiani e cowboy, in compulsiva azione, lottano per il controllo dell'universo ... ma gli esseri che lo abitano, oltre le schiere, sono numerini;
      chissà che ne pensa davvero, l'uomo della strada dell'Impero e dei ribelli che lo combattono.

      ===

      Elimina
    5. L'impero e i ribelli in origine erano la solita dicotomia eroe col cavallo bianco cattivo col cavallo nero di tutti i racconti e i film di cappa e spada.

      Adesso l'impero e i ribelli sono la stessa cosa, indistinguibili se non per una iconografia che però è sempre piu semplificata e rimpicciolita. Un esempio di questa compenetrazione è il nero scemo dell'ultimo film che diserta gli Storm Troopers imperiali per unirsi alla Ribellione.

      Elimina
    6. Ormai i film che vedo sono per il 90% fatti di inseguimenti ed esplosioni.
      Storielline da due soldi, quattro luoghi comuni e via.

      Bisogna avere la bocca buona ed essere anche un po' tonti.

      Elimina
    7. Ho visto Star Trek Beyond ... una roba d'azione al 99%, sembra un videogioco nel quale, però, non puoi controllare nulla ma solo assistere alla partita giocata da un altro player ( come al bar, quando si slumava lo schermo - un pezzettino, quello che si riusciva a vedere - quando giocava quello in gamba ... per capire le mosse vincenti e/o solo guardare la grafica, gli avversari e i bonus dei livelli avanzati );
      una robaccia pessima, dialoghi inesistenti, giusto qualche gag del giovane ingegnere Scott ... e dire che la forza della serie originale erano proprio le idee;
      non è stato sviluppato l'elemento di rottura, cioè l'amazzone aliena Jaylah ( notevole l'uso di proiettori olografici nei combattimenti ... tecnica simulativa che è la versione fantascientifica delle tecniche ninja ) - nome che suona mediorientale e interpretata da un'attrice algerina-francese, Sofia Boutella - che si era appropriata dell'astronave USS Franklin e vi abitava;
      troppo facilmente cede il controllo della nave all'equipaggio dell'Enterprise, giusto l'accenno di uno screzio con Kirk quando occupa la poltrona del capitano con mossa felina, anticipando il terrestre;
      e alla fine del film ?
      Ammansita come un animaletto domestico, persino si commuove alla notizia della sua ammissione all'Accademia Spaziale ...
      et voilà !
      Il barbaro è magicamente integrato ( come si diceva sopra ).

      ===

      Elimina
    8. Se tu hai una qualche pratica di arti marziali sai che le donne sono negate.

      Questa fuffa è cominciata tanti anni fa, esempio "soldato jane", che appunto racconta di una donna (ovviamente figa) che vuole diventare navy seal. Come il trenino delle favole, si impegna si impegna e alla fine ce la fa.

      Vabe, lasciamo stare, tanto...

      Elimina