Testata

La procuratrice




La modella e procuratrice argentina Wanda Nara, moglie di Mauro Icardi e madre di 4 figli.



Fotomontaggio di scatti dalla bacheca Instagram di Mauro Icardi ( da Dagospia [ 1 ] ).


I cambiamenti sono per i coraggiosi, i codardi preferiscono restare dove sono, anche se non sono felici.
Wanda Nara


1

Continuando con i mestieri che una volta erano esclusivamente maschili ed oggi sono performati anche dalle donne ( vedi “L'assessora” [ 2 ] e discussione linguistica allegata ), ecco la procuratrice di calciatori;
{ avrei potuto intitolare questo post “Doppio arrembaggio” oppure, ironicamente e citando la bionda argentina Wanda, “I coraggiosi” };
la procuratrice sta tenendo in scacco il club milanese dell'Inter e il Napoli, giocando al rialzo del contratto per suo marito, il connazionale Mauro Icardi [ 3 ] valido centravanti di origini piemontesi e una delle poche certezze per la traballante squadra ( 52 gol in 105 presenze ufficiali complessive, 0,5 gol/partita );

l'american dream in versione latino-americana, per una delle telenovele del mercato calcistico estivo e croce dei tifosi di un club “italiano” di proprietà di un indonesiano che non sa parlare l'italiano e spesso, nella scorsa stagione, ha schierato 11 giocatori stranieri su 11; aveva un allenatore italiano, ma è stato da pochi giorni esonerato per fare posto ad un olandese con buon pedigree calcistico.

2

Perché il calcio, sport di massa in Europa Occidentale e nel mondo intero, è oggi questo : il modello artificioso di una società multi-etnica fantastica, in cui elementi dalle coordinate più dissimili del globo si combinano magicamente se miscelati da un bravo direttore sportivo e messi bene in campo da un bravo allenatore; in altre parole, è lo spot politico della più vasta società multi-etnica ( = ghettizzata );
tutto si tiene e in allegria, e la massa riempie gli stadi e fa gli abbonamenti a Sky per vedere il campionato comodamente nel salotto di casa oppure al bar.
Sulla bacheca Instagram del ragazzo [ 4 ] sono comparse le foto delle cene con la moglie, e subito i tifosi bacchettoni ( che acquistando biglietti e gadget alimentano il mercato calcistico, in un corto circuito logico tra gesto e parola ) si sono scatenati;
siate onesti : chi non vorrebbe mangiare quel risotto allo zafferano con foglia d'oro, assieme a una bionda così ?

Bookmark and Share

9 commenti:

  1. Bah, nella antichità i gladiatori o i guidatori delle bighe facevano più o meno lo stesso, in un contesto simile. Alla plebe devi garantire pane e svago.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi, l'Impero Romano d'Occidente è crollato;
      quello Americano, in Europa, rischia di durare molto meno.

      ===

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho notato che il codice per gli ultimi ( 20 ) commenti nella spalla, che ho mutuato da quello che Uomo usa sul suo blog, va in tilt quando un utente cancella il suo;
      dovrei controllare le condizioni di true/false nel codice.

      ===

      Elimina
  3. Io penso che sbaffare dell'oro sia, oltre che una idiozia, anche sgradevole se non nocivo: il nostro intestino e apparato digerente non è fatto per i metalli e il fatto che questi siano costosi non cambia nulla.

    E' il classico comportamento da neo ricco idiota.
    Denaro e potere danno alla testa e se unon già non ce l'ha, la probabilità di fare cose demenaziali tende a uno.
    Infatti.

    Comunque, sebbene questa sia una bionda "da qui a dir di no" io preferisco le more. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tecnicamente l'oro è un metallo che, oltre ad essere malleabile, reagisce chimicamente con pochissime sostanze, infatti si usa(va) per le protesi. Però mi risulta che uno dei pochi casi di reazione chimica con l'oro sia quella dell'acido cloridrico, che è contenuto nello stomaco. Ma potrei sbagliare.

      Piuttosto a me dispiacerebbe cagarlo e tirare lo sciacquone. Veramente l'apoteosi dello spreco, un insulto al buon senso.

      Mi risulta anche che la foglia d'oro sul risotto allo zafferano sia un ormai antico marchio di Gualtiero Marchesi e non è una tamarrata moderna, è tipica di certi anni '80, quelli della "Milano da bere" e degli imprenditori amici dei socialisti che a loro volta erano amici dei fotografi e delle archistar, eccetera.

      Elimina
    2. Bella, la maragliata della Milano da bere !

      [ Qui ] una ricetta del risotto oro e zafferano di Gualtiero Marchesi, che sembra l'abbia cambiata diverse volte nel corso degli anni, mantenendo l'aspetto finale del piatto.

      Sulla commestibilità :

      DESCRIZIONE DELL'ORO ALIMENTARE IN FOGLIA

      Si tratta di oro 23 carati lavorato in sottilissimi fogli da mm.86x86 e trattato con procedimenti tali da renderlo adatto all'uso alimentare.
      L'oro alimentare in foglia è infatti un prodotto assolutamente commestibile (la direttiva 94/36/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 30 giugno 1994 lo classifica come colorante alimentare E-175) ed è accompagnato da una certificazione alimentare dell'istituto LGA (membro del gruppo TÜV Rheinland, leader internazionale nel campo della certificazione di prodotti) che ne garantisce l'assoluta assenza di controindicazioni per la salute.
      Inoltre, l'oro alimentare in foglia, a differenza dell'oro alimentare aromatizzato, non ha alcuna reattività e quindi non altera il sapore dei cibi sui quali viene applicato.
      Per questi motivi l'oro alimentare in foglia risulta essere un prodotto ideale per la decorazione di dolci, cioccolatini e gelati. Utile per impreziosire flûte di Champagne o cocktails d'autore. Indispensabile inoltre per nobiltare tortini, risotti e primi piatti in genere.


      Fonte : [ Antichità Belsito ].

      ===

      Elimina