Testata

Star Wars , Episodio VII




L'attrice Lupita Nyong'o si sottopone al motion capture [ 1 ] nell'interpretazione di Maz Kanata.



L'attore Andy Serkis nell'interpretazione – mediata dalla computer grafica – del leader supremo del Male, Snoke.



1
 

Il cinema di pomeriggio, da quanti anni non lo facevo.
Ho visto finalmente “Star Wars: Il risveglio della Forza” [ 2 ] – l'episodio VII, il primo della trilogia sequel – e lo commento da buon ultimo, dopo che tutti gli amici appassionati di SF hanno già timbrato nei vari spazi sociali.
{ qui dovrei raccontare la storia del cuscino che, in una rocambolesca serie di coincidenze, mi ha impedito di approfittare dell'invito degli amici delle Edizioni Scudo [ 3 , 4 ] a vedere il film nella sua prima settimana di programmazione ITA a dicembre ...
magari lo farò ... }.
Cosa mi è piaciuto di Star Wars VII ?
Un sacco di roba ...







BB-8

Una delle new entry della saga.

Lo sferico robot BB-8 [ 5 ] è convincente e le reazioni sono umanizzate a modo anzi rese come quelle di un animale domestico.
Non ha un compare robotico protocollare a fare da interfaccia con gli umani ( come R2-D2 [ 6 ] aveva C-3PO [ 7 ] ) ma - espediente narrativo - alcuni umani capiscono il suo linguaggio fatto di beep ( Poe Dameron - il suo proprietario all'inizio del film - Rey ... altri ).

=
Iconico come un LOLcat post-moderno, si presta bene al merchandise e da mesi sono disponibili parecchi prodotti che lo raffigurano.




Dietrologia sul numero di matricola dello stormtrooper traditore, dal Telegraph [ 8 ].



Preparazione di un progetto per il pepakura del tipico casco degli stormtrooper [ 9 ].


FN-2187 - Finn

L'errore di sistema del programma educativo di Primo Ordine ( la struttura politica e bellica del Male ).

Il ri-battezzato ( dal migliore pilota della Resistenza ) Finn [ 10 ] è un umano strappato dalla famiglia naturale poco dopo nato, che rifiuta di uccidere alla sua prima missione sul campo. E non per una questione morale – agli stormtrooper [ 11 ] viene ordinato anche di sparare su civili inermi – ma soprattutto per fifa, se la fa addosso e crolla dentro al primo contatto con la morte, quando un commilitone colpito da un colpo laser gli muore ai piedi e allungando la mano insanguinata gli sporca il casco.
Poi trova coraggio quando si tratta di fare il ganzo di fronte alla bella del gruppo ( Rey ). 

{ John Boyega è così cialtrone ed eccessivo da rendere credibile il personaggio [ 12 ] }.
=
Umano al 100%.




La scena del primo duello aereo di Rey, su Jakku ( clicca sull'immagine per l'ingrandimento ).



Rey consuma un pasto frugale a ridosso del piede di un AT-AT abbattutto anni prima, nella Battaglia di Jakku
[ 13 ].


Le scenografie di Jakku

Le grandi navi spaziali abbandonate nel deserto del pianeta-discarica Jakku [ 14 ], maestose e decadenti, lasciano a bocca aperta.

{ e si vedono anche le zampe di un AT-AT ( All Terrain Armored Transport ) [ 15 ] }.
Spettacolare è l'ispezione dell'interno di una di queste da parte di Rey, alla ricerca di pezzi di ricambio utili, scena introduttiva il personaggio e le sue capacità atletiche.
E svariati abitanti, un crogiuolo bastardo realizzato con realismo crudo da post-tutto, rimangono nella mente.
=
Il posto dove ho giocato da bambino.




Rey carica gli attrezzi e i pezzi appena smontati da qualche astronave arenata sul suo speeder.



Congetture sulla nascita di Rey, dallo Star Wars Post [ 16 ].


Rey

Di lei, mi piace tutto.
Lo speeder [ 17 ] ( che ricorda un rozzo, vecchio trattore senza le ruote ... fa molto dieselpunk ) e il suo bastone da combattimento sono iconici.
L'identità dei suoi genitori, quindi il movente del suo abbandono - appena bambina - sul pianeta sabbioso, è uno dei pochi misteri in un film che è persino pornografico nell'esposizione sfacciata dei fatti fino ai dettagli.
Brava Daisy Ridley [ 18 ] nell'interpretazione credibile di un personaggio non facile, in tensione dal primo all'ultimo minuto.
=
Fidanzata ideale.




Maz Kanata rifatta da Tony Gore [ 19 ].



C'è chi si è preso la briga di individuare le bandiere appese nel cortile d'ingresso del Tempio sul pianeta Takodana [ 20 ].



Avventori della taverna intergalattica di Maz Kanata sul pianeta Takodana, tra Medioevo e Futuro ( clicca sull'immagine per l'ingrandimento ).


 
L'ostessa Maz Kanata

Realizzata in CGI con motion picture dell'attrice Lupita Nyong'o [ 22 ], Maz Kanata [ 23 ] è l'aliena ex-pirata ed ostessa millenaria di una taverna di vagabondi e viandanti in sosta occasionale, reietti e randomanti che si danno agli affari leciti e illeciti ( ed anche al range dei vizi classici ) all'interno di un edificio modellato ( squadrato ) sui templi nel sud-est asiatico con inserti sf ( come la grande statua del robot ).

=
Adorabile saggia.


I flashback della spada laser

Rey sente delle voci di bambini ( o voci deformate ) provenire dalla cantina del locale di Maz Kanata, e raggiunge così una vecchia scatola di legno lavorato che contiene la spada laser di Luke Skywalker ( e che fu, prima di lui, del padre Anakin Skywalker – Darth Vader ).
Toccando il Santo Graal della saga, ha vivide allucinazioni degli antefatti di questo episodio in una sequenza memorabile da cui esce sconvolta.
=
Mistico legame tra il Ciclo bretone [ 24 ] e il futuro remoto ... ma se Luke, cercando il primo Tempio dei Jedi avesse riparato sul pianeta Terra ?

{ le riprese della scena finale sono state eseguite sule isole Skellig ( Na Scealga in irlandese ) : [ 25 ] }.




Adam Driver ( Kylo Ren, figlio ) e Harrison Ford ( Han Solo, padre, in una foto di circa 40 anni fa ) a confronto.


Il cattivo adolescente

Altra sfaccettatura delle relazioni parentali introdotta in questo film, è la ribellione dell'adolescente Ben – ribattezzato Kylo Ren dopo la sua adesione al Lato Oscuro della Forza – ai genitori Leia Organa e Han Solo. Tema già affrontato in apertura dell'episodio IV con le intemperanze del giovane Luke Skywalker e conseguenti attriti con la famiglia adottiva ( gli zii agricoltori ), ma più sbrigativamente.
Qui, è uno dei leit motiv principali del film e lo “sbarbo” Adam Driver [ 26 ] ( nel film sembra molto più giovane dei suoi 32 anni ) è bravo nell'interpretazione. Se nel finale le dinamiche vengono risolte in modo raffazzonato e la sceneggiatura danneggia anche questo personaggio cardinale, la colpa non è certo dell'attore.

=
Il bimbominkia da prendere a calci nel culo, dato che suo padre non gliene ha dati abbastanza.

Uomo vs Donna

{ il confronto tra i sessi è uno dei temi principali del blog amico UnUomoInCammino [ 27 ] }.

Nell'interrogatorio che è il loro primo incontro, Kylo Ren cerca di ottenere informazioni cruciali da Rey – la mappa del pianeta scelto da Luke per l'esilio volontario – sondandole la mente con l'uso della Forza e ...
sorpresa : anche lei possiede il potere !
La ragazza replica e a sua volta si inserisce nella mente del rivale in una lotta mentale ch'è persino fisica – bravi i due attori – nella quale carpisce un segreto intimo e glielo sbatte in faccia : il timore di non essere all'altezza del nonno, il sith Darth Vader che fu il braccio destro dell'Imperatore nella trilogia IV - VI.
Siamo alle solite, ragazzi : sul piano psicologico con le donne non c'è partita ... sono mediamente più abili a maneggiare i sentimenti e la psicologia, anche come armi affilate se ritengono ci sia il bisogno.

=
Altroché i bisticci da adolescenti tra la principessa Leia e Han Solo, negli episodi IV - VI.


L'eliminazione di Han Solo

Beh.
Diciamocelo francamente : non poteva continuare a fare l'avventuriero giovanile con il fido Chewbecca, scorazzando all'infinito nello spazio e negli anni tra partite di merce pericolosa e debiti da saldare con le mafie intergalattiche. Eterno immaturo arrivato all'età della pensione, ci stava che non si adeguasse a una vecchiaia in ospizio, al declino fisico e mentale, che morisse in azione e che lasciasse il testimone della guida del Millennium Falcon alla giovane intraprendente con il dono della Forza.
Certo, la sua morte emoziona e inumidisce gli occhi : è un personaggio cui ci siamo affezionati, è inutile negarlo.
Però ...
è il come muore che non mi garba ... non si può certo definire una morte eroica, quella del padre che esce di casa e va a recuperare il cinno nei guai nella strada, sollecitato dalla mamma.


E passiamo così alle cose che non mi sono piaciute.

2

Cosa non mi è piaciuto di Star Wars VII ?
Un sacco di roba ...


I titoli di testa

Sì, lo ammetto : quando ho visto le scritte muoversi verso lo spazio infinito con quelle musiche di sottofondo, ho avuto i brividi sulla schiena e sulle braccia. Inevitabile, per uno della mia generazione ( 40 - 50 anni ).
Ma il testo introduttivo racconta già metà della trama del film : capisco che è un prodotto per le masse, e che a parecchia gente non basta dare la matita e il foglio di carta con i puntini da collegare ( magari con una figura finale abbastanza chiara alla prima occhiata ) e bisogna proprio prendergli la mano che tiene la matita e guidarla sul foglio ... però ...
( bastava dire che Luke Skywalker è scomparso dopo l'addestramento fallimentare di un giovane jedi, senza spoilerare tutto per filo e per segno, cancellando attesa e mistero ).

Le categorie rigide

Umani / robot / jedi e sith ... cibernetica quasi a zero, a parte la mano di Luke e qualche arto artificiale visto di sfuggita ( colto solo sulle frizzate girate nel www ) a personaggi di contorno.
E non si capisce perché, raggiunto tale livello tecnologico, almeno gli ufficiali e i migliori combattenti delle due parti non si avvantaggino dell'implementazione di protesi bioniche, ad esempio per la fruizione della realtà aumentata ( AR ) [ 28 ] a supporto delle decisioni di carattere tattico e strategico.

Capitano Phasma come il burro

Buco nella sceneggiatura : un alto ufficiale di Primo Ordine come Capitano Phasma [ 29 ], indottrinato ideologicamente, non avrebbe mai accettato di togliere lo scudo difensivo al pianeta-base della sua parte nemmeno sotto la minaccia di un blaster [ 30 ], piuttosto si sarebbe fatto uccidere.

{ anzi ...
si sarebbe fatta uccidere [ 31 ] }.
Ennesimo dettaglio favorevole : troppo, troppo facile per gli incursori Solo, Chewbe e Finn disattivare lo scudo.

Velocità della luce ?

Buco # 2.
Nella scena dell'attacco al pianeta-base di Primo Ordine, il Millennium Falcon è riuscito ad attraversare lo scudo a velocità della luce, e ad entrare nell'orbita bassa. Potevano fare altrettanto gli X-Wing, che dopo la missione vediamo sfrecciare via alla stessa velocità del Falcon ... perché non lo hanno fatto ? Perché si è stabilito che fosse cruciale disattivare lo scudo ?

Oppure è la scena in cui gli X-Wing schizzano via che è sbagliata ?

Tagli e frenesia

L'ultima mezz'ora è di corsa.
Troppo.
La scena del confronto tra Han Solo e Kylo Ren ( padre e figlio ) all'interno della sequenza dell'attacco al pianeta-base è stata sbrigativa, c'era da giocarci molto di più a livello drammatico.
La scena a carta-carbone della distruzione dell'ennesima Morte Nera - la terza ! - con l'attacco degli X-Wing ... la vedremo ancora nei prossimi film ?

{ e basta ... dài ! }.
Mi sarebbe piaciuto che a determinare la crisi del pianeta-base dei cattivi fosse stata una crisi di nervi di Kylo – personaggio schizofrenico tra i due lati della Forza e sith acerbo – però potente ...

Una crisi nel confronto emozionale con il padre, nella quale avrebbe generato un campo di Forza destabilizzante le tecnologie del super-cannone e le strutture portanti dell'obice e sezioni contigue, durante la quale sarebbe potuto cadere nell'abisso assieme ad Han Solo ( cit. del duello tra Gandalf e il balrog ). Lasciando agli spettatori il mistero sulla sorte sua e dell'avventuriero, come acconto dell'Episodio VIII.
E invece no.
Come detto : il mistero non abita proprio in questo film, giusto due bocconi ( anzi mezzo ... se verrà rivelato che Rey è figlia di Luke, come il mondo si aspetta ).

L'elaborazione del lutto

Ci sta la morte di Han Solo, come detto.
Ma manca completamente l'elaborazione del lutto : neanche una lacrima della generalessa Organa e del fedele compagno Chewbe ...

nessuna domanda a Rey su come sono andate le cose, da parte di Organa ( che ha il potere e potrebbe avere già inuito tutto ... ma insomma ) ...
di corsa !
Di corsa !
Nemmeno questo è credibile.

Il risveglio magico di R2-D2

Inoltre ...
il risveglio magico di R2-D2, che all'improvviso – e al momento giusto ! – si desta dalla modalità “risparmio energia” per completare il frammento di mappa conservato su chiavetta da BB-8 : a me non sta bene, SE questa è “fantascienza” e non “fantasy” – comunque un mix più vicino alla “fantascienza” – io pretendo che mi si vengano spiegati i fatti e i meccanismi, anche usando una scienza immaginaria ma in qualche modo plausibile.
Il risveglio magico di R2-D2 c'entra nulla con questo film, c'entra nulla con il genere e il dosaggio usato tra i generi.

Il ritrovamento di Luke
 

E infine ...
beh : et voilà ! In un minuto Rey ritrova Luke !
Un minuto !
E io, che già pensavo che tutto il prossimo episodio della terza trilogia sarebbe stato dedicato alla ricerca del maestro jedi !
D'accordo che i combattenti per la Repubblica hanno la mappa completa e la tecnologia per viaggiare oltre la velocità della luce, ma :


1 – il pianeta doveva cmq. essere “dietro l'angolo” – che culo ! – siccome le galassie distano anche milioni di anni luce [ 32 ] tra loro;

2 – qualche complicazione sarebbe stata auspicabile lungo la strada. Una moderna Odissea attraverso la galassia. E invece, abbiamo assistito - in pratica - allo spot del prossimo episodio.

...




J. J. Abrams dirige sul set ( clicca sull'immagine per l'ingrandimento ).


Conclusione

In breve, e senza spulciare i dettagli sgamati dai fan della saga : l'ultima mezz'ora sarebbe da rifare.

J. J. Abrahams ha deciso di tracciare una iperbole emozionale grazie al credito di tre-quarti dell'opera che sono bene tarati e dell'uso di icone amate dagli spettatori, che tutto sommato si accetta – nonostante le ingenuità sopra stigmatizzate – perché si è talmente presi che tutto scorre e non sgarba davvero.
Comunque è uno spettacolo visivo di primo livello, si viene coinvolti emotivamente come sulle montagne russe e si rimane inchiodati fino ai titoli di coda, ci si alza ben soddisfatti dal posto.
{ da 1 a 5 ( stelle ) per me sarebbe un 4 }.


[ ... ]

Bookmark and Share

8 commenti:

  1. Non sono d'accordo. Il film è stato semplificato rispetto al resto del "franchise" in una maniera che lo fa sembrare un lungometraggio amatoriale.
    Cito alcuni elementi tra i più ovvi:
    1. età dei protagonisti.
    Senza considerare che nell'universo di Star Wars ci potrebbero essere tecnologie che rallentano l'invecchiamento, l'età di Leia e Solo dovrebbe essere tra i 45 e i 50 anni. Nel film, nonostante capelli posticci e trucco, dimostrano vent'anni di più. Invece dei genitori dei nuovi protagonisti sembrano i nonni o dei vecchi zii.
    2. organizzazione politica assente.
    Nei primi tre episodi della saga si disegna il complotto sith per assumere il controllo della Repubblica Galattica e sostituirla con l'Impero. Diciamo qualcosa di simile alla storia di Roma. Ad un certo punto Anakin Skywalker si risveglia all'interno di Darth Vader e elimina il suo maestro Sidious cioè l'imperatore. Ora, scopriremo che tipo di successione ha avuto luogo nell'Impero, considerata la teoria abbastanza risibile che esistano sempre solo due sith, le alternative sono che i sith sono estinti e adesso ci sono dei cattivi di livello inferiore, oppure che esistono altri sith.
    Fatto sta che la scomparsa dell'imperatore ovviamente non fa scomparire l'impero. In questa logica l'unica alternativa valida per Luke Skywalker sarebbe stata quella di assumere il ruolo di imperatore lui stesso, oppure tornare alla tradizione jedi mettendo un prestanome e fungendo da "eminenza grigia". Invece no, si ripete lo stereotipo dell'ultimo Jedi nascosto nell'eremitaggio.

    RispondiElimina
  2. 3. aspetti tecnologici.
    Nel corso dei 6 film precedenti Lucas si era premurato di aggiungere via via sempre più elementi "pseudo-tecnici" all'inverso di Star Wars. Non solo moltiplicando i modelli di astronavi tra quelle imperiali "standardizzate" e quelle della Alleanza che dovevano dare l'idea di una accozzaglia eterogenea anche per "specie" ma anche creando una "continuità" tra l'epoca repubblicana e le epoche successive, perché è chiara la derivazione degli incrociatori imperiali a triangolo dalle navi usate dall'armata dei cloni, cosi come degli X-fighter della Alleanza dai veicoli triposto usati dai cloni. Oltre ovviamente la derivazione degli stormtroopers dai cloni, scopriamo solo adesso che gli stormtroopers non sono anch'essi cloni, nei primi sei film non se ne fa cenno tranne per la scena della liberazione di Leia quando Luke e Han indossano le armature. Nell'ultimo film tutti questi aspetti sono stati rimossi. Gli imperiali usano solo un modello di ogni cosa, anche dove non ha senso. I TIE non sono progettati per il volo atmosferico (ovviamente) e in origine servivano solo alla difesa ravvicinata delle navi imperiali, da cui venivano trasportati in "grappoli". non avevano ne iperguida ne scudi, contando invece su profilo ridotto e maneggevolezza. Gli X-figher ribelli, derivati dai triposto dei cloni, erano invece molto più grossi e progettati per operare autonomamente, con tripla funzione di interdizione, caccia scorta e bombardiere. Nell'ultimo film i TIE sono stati sovradimensionati e gli X-Figher rimpiccioliti per metterli a confronto uno-a-uno, cosa che non ha ovviamente senso. Le capacità belliche dell'Ordine sono assolutamente ridicole, le capacità della Resistenza sono indefinite perché non viene spiegato da dove vengono, come e perché. Nel franchise precedente niente poteva opporsi ad un incrociatore imperiale se non una corazzata calamari (visibili nel sesto episodio). Gli incrociatori imperiali non solo possiedono la loro dotazione di veicoli imbarcati di vari modelli ma possiedono anche la dotazione di assaltatori e di veicoli per l'attacco al suolo, inclusi vari tipi di "camminatori" corazzati. Sopratutto un incrociatore imperiale DEVE avere la capacità di rilevare il nemico a grande distanza e di jamming delle sue trasmissioni. Tutto questo rende IMPOSSIBILE un attacco di sorpresa ad una spedizione militare imperiale se non utilizzando forze pari o uguali, quindi almeno una corazzata calamari e un numero pari di veicoli aerei e di terra. Poi ok, ci sono delle incongruenze ovunque, tipo l'idea che un veicolo progettato per lo spazio possa "mitragliare" dei fanti a terra come un biplano, il fatto che non esistano armi guidate o auto-guidate (nonostante i robot dei primi tre episodi), eccetera.

    RispondiElimina
  3. 4. strategia e tattica.
    L'impero e la Alleanza si configuravano come una macchina militare invincibile e un movimento di resistenza che è costretto ad impiegare tattiche di guerriglia. La Death Star imperiale è una cosa che già allora era abbastanza illogica perché il suo uso bellico è solo quello di strumento del terrore, per dare l'esempio. L'impero non ha nessuna convenienza a distruggere pianeti invece che asservirli e la Stazione è troppo grossa e lenta per avere un impiego tattico contro un avversario che impiega tattiche di guerriglia.
    Infatti nel quinto episodio l'Impero utilizza la classica strategia "seek and destroy", manda sonde in giro per la galassia per localizzare i ribelli e poi li attacca con unità sufficientemente mobili per combattere i ribelli sul loro terreno.
    La Ribellione non era in effetti una minaccia per l'Impero, solo un fastidio. L'unico elemento critico era la eventualità che i Jedi riuscissero ad assassinare l'Imperatore, cosa che ovviamente rende assolutamente illogica la presenza dell'Imperatore in prima linea nel sesto episodio.
    Adesso nel settimo episodio scopriamo che questo Nuovo Ordine ha costruito una terza stazione, dopo che ne sono state distrutte due in precedenza, con tanto di classico Tallone D'Achille. Doppiamente illogico, la stazione non ha alcuna utilità militare. Ancora più ridicolo è il fatto che Solo ci va a mettere delle bombe come se niente fosse ma nello stesso momento bisogna ripetere la scena dei caccia che attaccano il Tallone di Achille, quando si poteva mandare altri insieme a Solo e sistemare tutto col sabotaggio.
    5. i protagonisti.
    La ragazza coi super poteri è assolutamente priva di senso, tutto quello che cli capita e che fa è illogico. E' stato detto della sua incredibile capacità di pilotare veicoli, di sopravvivere a qualsiasi situazione e di sconfiggere il cattivo super-addestrato. Io ne aggiungo una banale: la scenetta della sedia, in tipico stile James Bond o meglio Austin Powers, dove il Dottor Male cattura il nostro eroe, lo lega alla solita macchina di tortura inverosimile e gli racconta la rava e la fava dandogli cosi la possibilità di liberarsi e fare il diavolo a quattro. Ma chi usa ancora un espediente narrativo del genere? Chi lo sopporta? Con tutta la tecnologia dell'unvierso di Star Wars siamo ancora li con la segreta, la sedia coi lacci, la guardia a cui dare la botta in testa per fuggire. Poi i soliti corridoi, i soliti strapiombi e gli eroi appesi, eccetera. Due palle...
    Cosa dire del nero culone, che per motivi inspiegabile diventa subito amico di tutti e deve per forza partecipare a qualsiasi operazione. Come se in un qualsiasi esercito, per non dire una organizzazione di resistenza, un disertore dell'esercito nemico viene subito promosso generale, invece di essere semplicemente usato per quello che può servire e basta. Non serve a nulla, quindi la sua presenza è una forzatura evidente.

    RispondiElimina
  4. Ultima cosa:
    Con una intera galassia in subbuglio, ovviamente se tu sei un leader con sale in zucca ti sforzi di delegare e decentrare il più possibile.
    Non ha nessun senso che tutte le vicende accadono sempre attorno ad un gruppo ristretto di persone, in un arco di tempo illimitato.
    Esistono persone che controllano la Forza, si tratta di andarle a cercare, di addestrarle, di dargli degli incarichi, quindi una organizzazione.
    Idem a maggior ragione per l'impero, ci saranno governatori di regione, di provincia, di sottoprovincia, ecc, ognuno con una relativa autonomia operativa ma dentro una strategia generale.
    Eccetera eccetera.
    Manca la gestione del rapporto grande-piccolo, prima-dopo.

    RispondiElimina
  5. Sono abbastanza d'accordo con Lorenzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo con Lorenzo e con Luca.
      Hanno argomenti e cultura superiori a me che pure ho ravvisato buchi imbarazzanti a livello logico e di trama http://darospoaprincipe.blogspot.it/2015/12/star-wars-episodio-vii-il-risveglio.html

      La domanda è questa: come fa una persona intelligente e preparata ad apprezzare un prodotto simile (4 su 5)? Se non è fede, è solo uno squilibrio de La Forza che può indurre in simili cadute.

      Elimina
    2. Beh ...
      chi s'è fatto condizionare, sei tu, e cito testualmente dal tuo blog :

      Io, ahimé, l'ho fatto. Alla fine ci sono cascato. Non ho resistito all'abbraccio della massa: il marketing ha irretito pure me, al dunque.
      Condotto con la violenza in una sala cinematografica [ ... ].


      Il punto è che non bisognerebbe andare al cinema per forza, né per Forza, ma solo se si ha voglia e voglia di concedere una chance al prodotto che si va a fruire.

      { esempio : nel caso della trilogia cinematografica de “Il Signore degli Anelli” di Peter Jackson, siccome “antico” lettore di Tolkien - lessi la trilogia testuale da ragazzino, 30+ anni fa - vidi trailer, interviste e materiale vario ...
      ne fui inorridito ed evitai la visione di una pagliacciata buona per carnevale ...
      punto }.

      Pensa che pure io ero un filo prevenuto, proprio per la campagna pubblicitaria globale ( ma questo è stato un vantaggio : ho evitato tutti gli spoiler con facilità e senza pena ) e per il manico Disney.
      Ma poi, avvicinandomi tranquillo, m'è complessivamente piaciuto parecchio.
      E mica in modo incondizionato e acritico : ho dedicato metà di questo post ( uno dei più lunghi che abbia mai scritto per l'Orlodelboccale ) a quelle che per me sono le criticità del film, che sono in gran parte nell'ultima mezz'ora, ma evidentemente sovrastate dagli aspetti positivi.

      Se J. J. Abrams avesse deciso di dare maggiore profondità drammatica e intellettuale agli ultimi 30 minuti ( in quel caso, ne sarebbero occorsi almeno altri 30 ) sarebbe potuto diventare un capolavoro.

      ===

      Elimina
  6. { risponderò agli appunti di Lorenzo tra un po';
    su Rey in particolare, l'ho già fatto [ qui ].

    Intanto, non posso che osservare come in quest'occasione Luca sia d'accordo con Lorenzo : prevedo che accadrà qualcosa di enorme sul pianeta Terra !

    :O }.

    ===

    RispondiElimina